18 lettura minuti

Chakras - Wiki

Il sistema dei Chakra è un'antica mappa dell'energia psichica o sottile tradizionalmente usata per esercizi meditativi.

 

INTRODUZIONE AL SISTEMA CHAKRA

immagine dei sette chakra

Storicamente, è stato difficile per la scienza provare l'esistenza dei chakra, in quanto essi appartengono all'esperienza soggettiva e alla coscienza stessa. Ma al giorno d'oggi, possiamo trovare connessioni tangibili tra i chakra, i plessi neurali, le ghiandole endocrine, il sistema immunitario, e per estensione, tutte le reazioni biochimiche nel corpo.

L'interesse pubblico per la teoria dei chakra è in aumento, e c'è un numero crescente di libri e articoli disponibili sull'argomento. Allo stesso modo, c'è una crescente domanda di medicina alternativa e di metodi di cura della salute, compresa la guarigione energetica. Oltre all'interesse generale per la filosofia dei chakra, la ricerca suggerisce sempre più che le tradizioni mente-corpo, come lo yoga, il tai chi, l'agopuntura e la meditazione, potrebbero potenzialmente fornire un trattamento efficace per una grande varietà di disturbi sia mentali che fisici. Tutte queste tradizioni pretendono di armonizzare e rafforzare il sistema energetico del corpo. Alcuni la considerano ancora una pseudo-scienza woo-woo, quindi perché non provare a sperimentare i chakra da soli?

 

LA STORIA DELLO YOGA E DEL SISTEMA CHAKRA

La filosofia yogica, come delineata dal saggio Patanjali nel secondo secolo a.C., si basa sulle otto membra dell'Ashtanga yoga. Questo comprende Yamas (discipline etiche), Niyamas (osservanze individuali), Asana (postura), Pranayama (controllo del respiro), Pratyahara (ritiro dei sensi), Dharana (concentrazione), dhyana (meditazione), e samadhi (auto-realizzazione o illuminazione). Lo yoga è nato in India migliaia di anni fa per liberare i praticanti dal ciclo della sofferenza (Duhkha) o malattia. "Disagio" può riferirsi alla mancanza di un senso di comfort e sicurezza, ma riflette anche che se una persona si sente a disagio e la risposta interna allo stress aumenta, aumenta anche il potenziale per il processo di malattia. Lo yoga occidentale moderno, e la maggior parte delle ricerche sullo yoga, si sono concentrate su tre componenti principali: esercizi di respirazione, posture e meditazione. Ognuno di questi influisce sul funzionamento neurobiologico.

La parola chakra significa ruota che gira. I chakra sono trasduttori di prana, o forza vitale indicata come il corpo energetico. Anche se ci sono diversi pensieri e opinioni, la maggior parte concorda su sette chakra principali che corrono lungo la spina dorsale e 88.000 in tutto il corpo, e 72.000 nadi o percorsi. Diventando più attento alla propria energia (chiamata anche corpo sottile) e al prana - e calmando e dirigendo il suo flusso attraverso le pratiche yogiche - un individuo può aiutare a regolare i sistemi del corpo e lo stato interno. Swami Satyananda Saraswati (1972) ha spiegato che l'antico sistema dei chakra consiste di sette chakra raffigurati come una colonna vertebrale, con tre canali che si intrecciano, il Sushumna, l'Ida e il Pingala Nadis, che contengono punti di incrocio come sedi dei principali centri di energia chakra.

Storicamente, alcuni testi primari formano la base della nostra comprensione della teoria dei chakra e del relativo Kundalini yoga in Occidente oggi. Uno è conosciuto come "The Serpent Power: The Secrets of Tantric and Shakti Yoga" di Woodroffe (1919). È un'interpretazione classica dell'antico Sat-Chakra-Nirupama (del 1577), dove i chakra sono descritti variamente come "vortici di materia eterica" e "centri di coscienza". Gli altri due testi sono del X secolo. Il Padaka-Pancaka contiene descrizioni dei centri di energia e delle relative pratiche, e il Gorakshashatakam dà istruzioni per meditare sui chakra.

 

FISIOLOGIA DEI CHAKRAS

Il dottor Hiroshi Motoyama, uno dei principali ricercatori sulla fisiologia dei chakra, ha fatto un lavoro importante alla fine degli anni '60 e nei primi anni '70, sostenendo che i chakra hanno una base fisica. Ha sviluppato lo "Strumento Chakra" progettato per identificare le emissioni di energia fisica dal corpo umano sotto forma di luce, energia elettrica o elettromagnetica. Questo strumento è stato in grado di trovare una differenza misurabile quando i soggetti si concentravano direttamente su un chakra specifico, ma solo quando il soggetto aveva precedentemente praticato l'attivazione mentale. Nessun cambiamento è stato osservato nel soggetto quando un chakra è stato testato. I risultati hanno suggerito non solo l'esistenza di una localizzazione scientificamente misurabile dei chakra, ma anche l'importanza della concentrazione mentale su queste aree per l'attivazione. Il Dr. Motoyama dà esercizi dettagliati per la concentrazione mentale nel suo libro "Teorie dei Chakra". Il suo lavoro, tuttavia, non è noto per essere stato sottoposto ad alcun processo di peer-review.

 

Teorie moderne sui chakra

Nella moderna medicina integrativa, c'è una teoria secondo cui i chakra sono portali energetici corporei e trasduttori di energia sottile in energia utilizzabile, come segnali elettrici e chimici all'interno del corpo. Il libro di testo del 2009 "The Scientific Basis of Integrative Medicine" di Wisneski & Anderson ha elaborato il concetto di "medicina dell'energia sottile".

Un'altra teoria sviluppata dal Dr. Maxwell ipotizza che le connessioni intercellulari gap junction forniscano un meccanismo fisiologico alla base dei sistemi energetici sottili descritti nello yoga e in altre discipline come l'agopuntura. Tre aspetti fisici dei chakra sono distinti e integrati attraverso meccanismi di gap junction e si propone di essere sorti durante lo sviluppo embriologico. Inoltre, la conduttanza elettrica associata a un'alta concentrazione di gap junction potrebbe generare fenomeni che, se sperimentati soggettivamente, hanno le qualità radianti attribuite ai chakra. Questa teoria fornisce un razionale scientifico per molti dettagli della teoria dei chakra che sono stati precedentemente inspiegati e offre un nuovo orientamento per concettualizzare e studiare tali fenomeni soggettivi".

Inoltre, ci sono stati molti confronti e traduzioni moderne della filosofia e della teoria dietro lo yoga e il sistema dei chakra con il sistema nervoso autonomo e il sistema endocrino. Da una prospettiva neurofisiologica, in linea con la teoria polivagale recentemente sviluppata dal Dr. Porges, la "progressione" dei chakra si collega al modello di progressione evolutiva delle risposte del sistema nervoso autonomo.

La dottoressa Candace Pert, pioniera della psiconeuroimmunologia, ha anche descritto ogni chakra nel suo libro rivoluzionario, "Molecole dell'emozione": The Science Behind Mind-Body Medicine". Ha usato un'utile analogia per pensare a ciascuno dei sette chakra che agiscono come un "mini cervello" o centro di organizzazione, coordinazione e comunicazione. Spiega come essi siano noduli di attività sia elettrica che chimica, che ricevono, elaborano e distribuiscono informazioni da e verso il resto del "corpo-mente". I minicervelli sono composti da una ghiandola endocrina, un plesso nervoso centrale e l'energia rotante del chakra. Le ghiandole endocrine producono ormoni e li forniscono al flusso sanguigno, continuando verso i principali organi e tessuti del tuo corpo. I sette plessi nervosi trasmettono gli impulsi nervosi, e i sette spazi sono anche densi di neuropeptidi, che lei ha soprannominato le "molecole dell'emozione". Quindi, tutte queste strutture distinte - neurali, energetiche, ormonali e biochimiche - agiscono insieme, ma ancora con una forma di autosufficienza. Pertanto, il sistema dei chakra serve anche come modello del "corpo-mente" dove la ghiandola endocrina associata nel corpo, i neuropeptidi sono le emozioni; il plesso nervoso si correla con il pensiero e l'energia sottile con lo spirito.

Il sistema endocrino fornisce i percorsi dal corpo fisico, attraverso gli ormoni, al corpo psicologico ed emotivo. Le principali ghiandole del sistema endocrino sono le surrenali, gli organi riproduttivi, la tiroide, la paratiroide, l'ipotalamo, l'ipofisi e la pineale. Al sistema endocrino si sovrappone il sistema dei chakra, che comprende i seguenti: (1) il chakra della radice, associato alle surrenali, (2) il chakra sacrale, associato ai generativi (ovaie per le donne e testicoli per gli uomini), (3) il chakra del plesso solare, associato al pancreas, (4) il chakra del cuore, associato al timo, (5) il chakra della gola, associato alla tiroide, (6) il terzo occhio (situato tra le sopracciglia), associato all'ipofisi, e (7) il chakra della corona, associato alla ghiandola pineale.

 

PSICOLOGIA DEI CHAKRAS

donna che riceve un trattamento di guarigione dei chakra

Le interpretazioni moderne dello yoga hanno contribuito a renderlo applicabile agli stili di vita contemporanei. Nel 1932, il dottor Jung, fondatore della psicologia analitica, durante il suo discorso sulla "Psicologia del Kundalini Yoga" (1932), disse sul significato dello yoga per l'Occidente: "La nostra mancanza di direzione confina con l'anarchia psichica. Pertanto, qualsiasi pratica religiosa o filosofica equivale a una disciplina psicologica, e quindi a un metodo di igiene psichica". Un concetto strettamente legato ai chakra è l'energia kundalini. Il Dr. Jung ha anche detto: "Quando si riesce a risvegliare la Kundalini in modo che cominci a muoversi fuori dalla sua semplice potenzialità, si inizia necessariamente un mondo diverso dal nostro. È il mondo dell'eternità". Un ponte simbolico costruisce sui centri d'energia, come pietre della coscienza, lungo quello che il dottor Jung chiamava axis Mundi. Gli yogi chiamano questo il Sushumna Nadi - il canale verticale che attraversa i centri energetici sacri degli esseri umani e di tutti gli esseri viventi.

Joseph Campbell è uno studioso americano di mitologia comparata e di religione. Descrive la Kundalini come "la figura di un serpente femminile arrotolato - una dea serpente, non di sostanza 'lorda' ma 'sottile' - che deve essere pensata come residente in uno stato torpido e dormiente in un centro sottile, il primo dei sette, vicino alla base della spina dorsale: Lo scopo dello yoga è quello di risvegliare questo serpente, sollevare la sua testa e portarla su per un sottile nervo o canale della spina dorsale fino al cosiddetto "loto dai mille petali" (Sahasrara chakra) alla corona della testa. Lei, salendo dal centro del loto più basso a quello più alto, passerà attraverso e sveglierà i cinque tra loro, e con ogni risveglio, la psicologia e la personalità del praticante saranno completamente e fondamentalmente trasformate" (Campbell & Osbon, 1998).

La teorica occidentale dei chakra Anodea Judith ha scritto il libro "Eastern Body, Western Mind", che integra queste antiche filosofie yogiche con la psicologia e la scienza moderna. Dal punto di vista di Judith, definisce un chakra come "un centro di organizzazione che riceve, assimila ed esprime l'energia della forza vitale" (2011). Spiega come ogni chakra sia associato a diverse proprietà e caratteristiche del funzionamento fisiologico e psicologico. Descrive la teoria dei chakra come un antico sistema di anatomia spirituale, che sostiene come la connessione spirituale emerge nello sviluppo e suggerisce una correlazione della progressione dei chakra alle teorie occidentali dello sviluppo psicologico. Rispetto alla teoria di Erik Erikson, i chakra inferiori si collegano con un senso di sicurezza di base o "fiducia contro sfiducia", e identità o autonomia e iniziativa contro vergogna/dubbio.

Al contrario, i chakra superiori si connettono con l'amore e l'intimità, l'autenticità, l'integrità e la saggezza interiore. E seguendo la gerarchia dei bisogni di Abraham Maslow, l'energia dei chakra scorre dalla sicurezza fisiologica di base e dall'appartenenza, all'autostima, all'autorealizzazione e, infine, all'autotrascendenza. Così, il sistema dei chakra può anche servire come un sistema filosofico a sette livelli che mappa l'energia fisica, emotiva e spirituale e i concetti sulla mente-corpo.

Nel libro "Anatomia dello Spirito: Seven Stages of Power and Healing" (1996), Caroline Myss, teologa e medico intuitivo, confronta e descrive i paralleli tra i 7 chakra indù, i sette sacramenti cristiani e la mistica cabala ebraica, che contiene dodici centri. In un altro libro della Myss, "Why People Don't Heal, and How They Can" (1997), lei afferma: "La tua biografia diventa la tua biologia". In altre parole, la psicologia guida la fisiologia, e la storia della tua vita, che include tutte le tue esperienze, credenze e scelte, è incorporata in ogni strato o livello del tuo essere. Myss descrive la funzione dei chakra come un programma per computer o un database di informazioni: "Ogni pensiero ed esperienza che hai avuto nella tua vita viene filtrato attraverso questi database di chakra. Ogni evento si registra nelle tue cellule". Questo si collega all'importanza di riformare la propria narrativa, da vittimismo, depotenziamento e impotenza, a significato, potere e scopo.

 

IL CORPO SOTTILE E IL SISTEMA NERVOSO

Nella classe classica dello yoga, il prana è l'energia che guida la vita e compenetra il corpo fisico. Il prana scorre attraverso nervi sottili chiamati Nadi, e le tre Nadi significative iniziano alla base della spina dorsale: Ida, Pingala e Sushumna. La Ida è femminile, caratterizzata da ricettività, introspezione, freschezza e riposo, e termina alla narice sinistra. Il Pingala è maschile, esprime le qualità energetiche dell'azione, del calore e della risolutezza e termina alla narice destra; infine, il Sushumna è il canale centrale che porta la fusione di queste due energie, e quando il prana non è regolato, ne deriva il malessere.

B. K. S. Iyengar (2002) ha notato che il SNS corrisponde alla Ida Nadi e il PNS alla Pingala Nadi. I testi yogici descrivono la narice destra come riscaldante, attivante e orientata all'esterno, e la sinistra come raffreddante, passiva e interna. Queste qualità suggeriscono il funzionamento del SNS e del PNS, rispettivamente. La dottoressa Shirley Telles e altri (2000) hanno trovato prove empiriche di questa corrispondenza. Manipolando le narici e la respirazione, un individuo può lavorare con i canali di energia sottile per spostare consapevolmente la dominanza da un ramo dell'ANS all'altro. Questa pratica fa parte della scienza dello Swara Yoga (Rama, Ballentine, & Hymes, 1979, p. 79). Mel Robin spiega che "le connessioni tra la lateralità nasale, la lateralità dell'emisfero cerebrale e i due rami dell'ANS sono implicite negli antichi racconti degli Swara Yoga" (Robin, 2009, p. 627). Il pranayama, o gli esercizi di respirazione yogica, includono esempi di questo, come Anulom Vilom e Nadi Shodhana (respirazione a narici alternate).

 

LE POSIZIONI FISICHE DEI SETTE CHAKRAS

immagine dei sette cristalli chakra e coloreLocazioni del corpo

I sette chakra sono situati in diverse parti del corpo e hanno le loro proprietà distinte. Oltre ai sette chakra principali, centinaia di altri chakra hanno varie posizioni in tutto il corpo. Corrono verso l'alto dalla spina dorsale alla corona della testa. Ecco un elenco delle diverse posizioni di ciascuno dei sette chakra:

  1. Chakra della radice (Muladhara): Muladhara chakra si trova alla base della spina dorsale, nella zona del coccige.
  2. Chakra sacrale (Swadhisthana): Il secondo chakra è due pollici sotto l'ombelico nel basso ventre.
  3. Chakra del plesso solare (Manipura): La posizione del terzo chakra è nella parte superiore dell'addome intorno alla zona dello stomaco.
  4. Chakra del cuore (Anahata): Il chakra Anahata si trova al centro del petto, appena sopra il cuore.
  5. Chakra della gola (Vishuddha): La posizione del Vishuddha è nella gola.
  6. Chakra del terzo occhio (Ajna): Il chakra del terzo occhio si trova sulla fronte, tra gli occhi. E' anche chiamato Chakra della fronte.
  7. Crown Chakra (Sahasrara): L'ultimo chakra si trova in cima alla testa.

 

LOCALIZZAZIONE DEL CHAKRA

Secondo Corene Summers, esperta di benessere e mindfulness, guru della meditazione e guaritrice di chakra, ognuno dei sette chakra ha un luogo sacro sulla terra che contiene sacche di energia. Ecco una lista dei luoghi in cui molti yogi si recano per praticare yoga e generare energia ai diversi chakra del loro corpo:

  1. Chakra delle radici: Monte Shasta: Il Monte Shasta, situato in California, incarna questo processo di radicamento. Le tribù di nativi americani hanno a lungo creduto che il vulcano dormiente avesse poteri curativi e una natura spirituale che è stata sentita da molte persone quando sono vicino ad esso.
  2. Chakra sacrale: Lago Titicaca: Il lago Titicaca confina sia con il Perù che con la Bolivia. E' il più grande lago del Sud America, ed è altamente navigabile, il che lo rende popolare per i navigatori. Questo lago è il luogo di nascita della regalità mitologica. Il lago emette qualità sia femminili che maschili, rendendolo il nucleo per l'auto-espressione e la creatività come il Chakra Sacrale nel corpo umano.
  3. Chakra del plesso solare: Uluru (Ayers Rock) & l'Oglas: Può credere che il plesso solare si trovi a Uluru, in Australia. Si tratta di un sito patrimonio mondiale che è sacro per molte ragioni. Uluru ha una potente energia. Può ri-energizzare una persona per raggiungere una versione più alta di se stessi. A Uluru c'è una superficie rocciosa di 600 milioni di anni che ha la sua storia scolpita al suo interno.
  4. Chakra del cuore: Glastonbury (Stonehenge) e Shaftesbury: Situato in Inghilterra, Stonehenge ha una storia misteriosa ed è ora associato ad un luogo di compassione e guarigione. Glastonbury corrisponde all'amore mentre Shaftesbury corrisponde alla volontà, come il Chakra del Cuore.
  5. Chakra della gola: Monte degli Ulivi, Sfinge, e Grandi Piramidi: Gli allineamenti lunari e solari erano in mente durante la creazione delle Grandi Piramidi, e ora si dice che sia un luogo del chakra della gola. L'allineamento celeste dei disegni nell'antico Egitto corrisponde all'armonia della mente, dei pensieri e della parola. Il chakra della gola è responsabile di dire la propria verità, e questa regione dell'Egitto lo esalta e lo incarna.
  6. Il chakra del terzo occhio: Fluttuante, a seconda dell'eone: Non c'è un luogo fisso per il Chakra del Terzo Occhio. Questo Aon avviene ogni 2.160 anni e si dice che sia a Stonehenge. Anche se questo cambia ogni volta, l'allineamento è basato sulla nuova era e di solito corrisponde alla posizione di un altro chakra. Il sito attuale è lo stesso del chakra del cuore - Glastonbury - Shaftesbury, Inghilterra.
  7. Crown Chakra: Monte Kailas: Il Chakra della Corona, conosciuto anche come la "scala del cielo", si trova sul Monte Kailas, in Tibet. L'Himalaya detiene poteri per più della sua natura, dato che torreggia sulla terra. Il chakra della corona è associato alla conoscenza, alla saggezza e alla coscienza universale, il che lo rende situato in una zona adatta.

 

Posizioni di chakra antropomorfi

Secondo l'antropologo ed esperto spirituale Avia, certi animali sono rappresentazioni parallele dei sette chakra. I simboli degli animali dei chakra sono i seguenti:

  1. Chakra della radice (Muladhara): Elefante: L'elefante dimostra che stiamo imparando a rispettare la nostra dipendenza dalla Terra. Si carica attraverso i blocchi, protegge, e prospera grazie alla solidarietà. Il motto del chakra animale è "Io provvedo".
  2. Chakra sacrale (Swadhisthana): Coccodrillo: Il coccodrillo dimostra il riconoscimento dei bisogni individuali e la cura di sé. Incoraggia la creatività, l'adattabilità, l'equilibrio e va in profondità per trovare una guida e riemerge con le risposte. Il motto del chakra animale è "Io sviluppo".
  3. Chakra del plesso solare (Manipura): L'ariete rappresenta la conoscenza di sé e la crescita, la forte volontà, la motivazione e la determinazione. Vive d'istinto e si fida dei suoi sentimenti. Il motto del chakra animale è "Io mi ricarico".
  4. Chakra del cuore (Anahata): Antilope: L'antilope rappresenta la capacità di prendersi cura degli altri, la consapevolezza della comunità, la gioia nel sostenere gli altri, e ricevere lo stesso per te stesso. Spesso sente le soluzioni piuttosto che affidarsi alla logica. Il motto del chakra animale è "Io condivido".
  5. Chakra della gola (Vishuddha): Elefante bianco: L'elefante bianco rappresenta la purificazione, la comunicazione e l'armonia. Cerca modi creativi per trasmettere i propri pensieri e sentimenti. Il motto del chakra animale è "Io esprimo".
  6. Chakra del terzo occhio (Ajna): Antilope nera: L'antilope nera esplora i regni interiori, godendo di viaggi interiori e fisici. E' sincera e guidata dalla visione interiore. Il motto dell'animale è "Io guido".
  7. Crown Chakra (Sahasrara): Uovo: L'uovo rappresenta la purezza, il potenziale e la verità ultima. Può creare un cambiamento universale ed è in costante espansione e ascensione. Il motto del chakra animale è "Io rivelo".

 

FUNZIONI DEI CHAKRAS

Ognuno dei sette chakra primari ha funzioni distinte nel corpo umano. Ecco una lista dei modi in cui beneficiano il corpo quando sono allineati e quali problemi possono verificarsi quando i chakra sono bloccati.

  1. Chakra della radice (Muladhara): Il chakra della radice è il chakra della sicurezza, della stabilità e dei nostri bisogni fondamentali. Lavora per farci sentire a terra emotivamente e fisicamente. Allineare il Muladhara chakra riduce l'artrite, la stitichezza, i problemi alla vescica e al colon e migliora il benessere emotivo.
  2. Chakra sacrale (Swadhisthana): Allineare lo Swadhisthana riduce i rischi associati agli organi, al dolore lombare e all'impotenza. Inoltre, supporta l'autostima e la fiducia che circonda la creatività, la sessualità e il piacere. La guarigione del chakra sacrale sosterrà l'energia sessuale e la salute degli organi sessuali.
  3. Chakra del plesso solare (Manipura): Il terzo chakra, spesso indicato come il chakra dell'ombelico, manifesta il potere personale, aiutando a guarire la bassa autostima e ad aumentare la fiducia. Si concentra sulla costruzione del fuoco interiore situato intorno al nucleo. Quando c'è un blocco nel Manipura chakra, le persone possono sperimentare disturbi alimentari, bruciori di stomaco e problemi digestivi.
  4. Chakra del cuore (Anahata): Questo è il chakra di mezzo, quindi fa da ponte tra il chakra superiore e quello inferiore. Fisicamente, i blocchi nel chakra del cuore possono causare sintomi fisici o emotivi. I problemi fisici includono asma, problemi di peso e problemi di cuore. Dal punto di vista emotivo, le persone possono sentirsi sole e insicure, il che le porta a mettere gli altri prima di se stesse.
  5. Chakra della gola (Vishuddha): Il quinto chakra si collega alla comunicazione verbale. Un blocco indica problemi nella regione della bocca, inclusi i denti e le gengive. Quando il chakra della gola non è allineato, può risultare in pettegolezzi, parlare senza pensare e problemi nel comunicare i propri pensieri. Tuttavia, quando è allineato, puoi parlare e ascoltare con compassione e fiducia, perché sei fedele a te stesso.
  6. Chakra del terzo occhio (Ajna): I blocchi nel chakra Ajna possono causare mal di testa, visione sfocata, problemi di udito e di concentrazione. Per allineare il sesto chakra, è necessario essere in contatto con la realtà e con la loro retta. I risultati permetteranno alle persone di vedere il quadro generale e seguire la loro intuizione.
  7. Crown Chakra (Sahasrara): L'ultimo chakra è visto come il chakra dell'illuminazione, che rappresenta lo scopo della nostra vita e la connessione spirituale. Si collega agli altri sei chakra; quindi, può influenzare tutti gli organi menzionati e il cervello e il sistema nervoso. Allineare il chakra della corona mantiene tutti i chakra aperti per la beatitudine e l'illuminazione ed evita tratti come la testardaggine, lo scetticismo e la mentalità ristretta.

 

SIMBOLISMO DEI CHAKRAS


I primi cinque chakra sono associati agli elementi fisici, fuoco, acqua, terra, etere e aria. Il loto a mille petali rappresenta ogni chakra. Sono anche intorno allo yantra, che si traduce in "macchina". È una combinazione di forme che rappresenta la funzione del chakra. Infine, un certo numero di petali circonda lo yantra.

Oltre alle forme fisiche, ogni chakra ha un colore unico. È ordinato nei colori dell'arcobaleno, verso l'alto dalla base della spina dorsale. Inoltre, ogni chakra ha il suo seme, conosciuto come il bija mantra, e quando le persone cantano questi suoni, le frequenze creano energia nel corpo.

  1. Chakra della radice (Muladhara): Il primo chakra è legato all'elemento terra. Lo yantra all'interno del fiore di loto punta verso il basso con una freccia, e le tre punte hanno significati unici. Include le forme di coscienza (conazione, cognizione e affetto), esperienza (sentire, conoscere e fare), e le tre divinità (Brahma, Vishnu e Shiva). Il suo suono seme, o bija mantra, è "lam", e il suo colore è il rosso.
  2. Chakra sacrale (Swadhisthana): Il secondo chakra si riferisce all'elemento acqua. Lo yantra è un cerchio con una mezzaluna, che rappresenta l'acqua e la luna. Il suo bija mantra è "vam" e il suo colore è arancione.
  3. Chakra del plesso solare (Manipura): Il Manipura chakra è legato all'elemento fuoco. Il suo yantra è un rosso, vibrante, triangolo rovesciato che spinge l'energia verso il basso, ostacolando il movimento di Kundalini. Il suo suono seme è "ariete", e il suo colore è giallo brillante.
  4. Chakra del cuore (Anahata): Il quarto chakra è associato all'elemento aria. Ha una stella a sei punte composta da due triangoli come yantra e spinge l'energia verso l'alto e verso il basso. Il triangolo verso l'alto è maschile e il triangolo verso il basso è femminile. Il suo mantra è "yam" e il suo colore energetico è il verde.
  5. Chakra della gola (Vishuddha): Il Vishuddha chakra rappresenta l'elemento dell'etere, che è lo spazio che informa l'essenza del vuoto. Il suo yantra è una mezzaluna con un cerchio bianco al centro del loto, che rappresenta la conoscenza e la purezza. Il mantra del chakra è "ham" e il suo colore è il blu.
  6. Chakra del terzo occhio (Ajna): Il sesto chakra non rappresenta un elemento specifico. Alcuni dicono che si riferisce alla luce, mentre altri credono che sia generale e si riferisce a tutto. Il suo yantra è un cerchio con due petali che rappresentano i suoni del seme. Il colore che rappresenta il chakra Ajna è l'indaco, e il suo suono seme è "Om" o "Aum.
  7. Crown Chakra (Sahasrara): L'elemento naturale dell'ultimo chakra è il pensiero, e il suo yantra è una luna piena. Il suo colore è viola o bianco puro, e il bija mantra varia a seconda di chi lo chiede. Alcuni diranno che "Om", "Soham" o "Ah" sono sufficienti, mentre altri diranno che il silenzio è l'opzione migliore.

 

Per bilanciare i tuoi chakra

Bilanciare i chakra attraverso certe pratiche è vitale in un sistema di chakra sano. Meditare e cantare il mantra bija dei chakra è efficace, ma sono disponibili molti altri trucchi e tecniche. Ecco cinque delle pratiche che puoi usare:

  1. Praticare la visualizzazione: visualizzare l'energia di guarigione che si riversa attraverso il corpo lungo la spina dorsale aiuterà a ripristinare l'equilibrio nel corpo. Potresti sentire parti specifiche del corpo che si riscaldano, formicolano o sentono la pressione. Inoltre, potresti vedere dei colori. Questi sono indicatori che l'energia si sta spostando e rilasciando, aiutando a bilanciare i chakra.
  2. Connettersi con la natura (messa a terra): Un chakra della radice sbilanciato può provocare ansia, insicurezza e stanchezza. E' essenziale bilanciare il chakra della radice connettendosi all'energia della terra attraverso il tempo trascorso all'aperto. Camminare a piedi nudi sul terreno naturale della terra è uno dei tanti modi per equilibrare i chakra.
  3. Terapia del colore: Lascia che la tua mente guidi i colori che indossi, a seconda di ciò che risuona con te. Questo vi aiuterà a scegliere i colori che corrispondono alla vostra frequenza. Per esempio, il tuo chakra della radice può essere fuori linea se non ti senti sicuro. Questo può essere il momento di indossare il rosso, aiutandovi a filtrare il colore necessario per aiutare a bilanciare il centro energetico.
  4. Meditazione sonora: Ogni chakra ha diverse frequenze sonore ad esso correlate, e queste vibrazioni possono eliminare i blocchi energetici per sostenere il flusso di energia all'interno dei tuoi chakra. Prova a fare un bagno di suoni praticando il suono che corrisponde al chakra che senti non essere in linea.
  5. Mudra: I mudra sono usati nelle lezioni di yoga per coltivare la consapevolezza dei campi energetici nel corpo, rendendoli efficaci per aprire i nostri sette chakra primari. La parola "mudra" si traduce in "gesto". Ci sono centinaia di mudra che si possono usare, ognuno con un simbolismo unico e il posizionamento dei palmi e delle punte delle dita.
  6. Canto: Ogni chakra ha la sua onda sonora, o Bija mantra, che aiuta a guarire e ad allineare l'energia. Mentre mediti, muoviti ciclicamente attraverso ogni chakra, usando il canto corrispondente e concentrando la tua energia su quell'area del tuo corpo. Ti farai strada dal chakra della radice al chakra della corona e poi di nuovo giù fino al chakra della radice, ripetendo come necessario.

 

Domande frequenti

Quali chakra sono collegate?

Ognuno dei sette chakra principali è collegato. Questo include la radice, il sacrale, il plesso solare, il cuore, la gola, il terzo occhio e il chakra della corona. Lavorano come un sistema che va dalla base della spina dorsale alla corona della testa. Uno squilibrio fisico ed emotivo può verificarsi quando i chakra non sono in linea. È qui che la meditazione sui chakra può aiutare.

 

Come si aprono i chakra?

Secondo la tradizione, i chakra si aprono quando il corpo, il cuore e la mente sono puri. Questo avviene naturalmente e richiede tempo. Si può progredire verso la giusta mentalità sviluppando il giusto atteggiamento, compresa la non possessività, la non violenza e altre restrizioni incarnate negli Yamas e Niyamas.

 

I CHAKRAS SONO CULTURALI?

Le prime tradizioni dell'induismo menzionano il concetto di chakra. I dettagli differiscono tra le religioni indiane. Per esempio, molti testi buddisti menzionano solo cinque chakra primari, mentre le fonti indù faranno riferimento a sei o sette. Anche se c'è una storia culturale dei chakra, la gente pratica gli esercizi dei chakra a causa degli ampi benefici per la salute fisica e mentale.

 

CHE COSA GUARISCE I CHAKRAS?

Alcune posizioni yoga possono sostenere la guarigione e l'apertura dei tuoi chakra per il benessere fisico e la salute emotiva.

  1. Chakra delle radici (Muladhara): Pose di equilibrio che aiutano sostiene le fondamenta del tuo corpo aiutano ad aprire il chakra della radice. Questo include la posizione dell'albero, la posizione della montagna e il guerriero. Le posizioni yoga dell'ematite, come l'opossum di montagna a gambe larghe in avanti e gli squat di Malasana, attivano anche il chakra della radice.
  2. Chakra sacrale (Swadhisthana): Le posizioni che rafforzano il pavimento pelvico, tra cui la posizione del ponte, la posizione del piccione, la posizione della lucertola e la posizione della dea, sono adatte per aprire il chakra sacrale.
  3. Chakra del plesso solare (Manipura): Le posizioni di rafforzamento del nucleo aprono efficacemente il chakra del plesso solare. Due opzioni sono la posizione della barca e la posizione del triangolo.
  4. Chakra del cuore (Anahata): Per sbloccare il chakra Anahata, praticare posture che aprono il cuore, tra cui la posizione del cammello, la posizione della ruota, la posizione della faccia della mucca e la posizione del guerriero umile.
  5. Chakra della gola (Vishuddha): Posa dell'aratro, posa del pesce e posa del cammello sono due opzioni solide per i chakra della gola aprendo la parte posteriore e anteriore del collo.
  6. Chakra del terzo occhio (Ajna): Potete aprire il chakra del terzo occhio eseguendo pose che collegano la parte superiore del corpo con quella inferiore. Il piegamento in avanti e l'aquila piegata sono due buone opzioni.
  7. Crown Chakra (Sahasrara): Devi connetterti per aprire il chakra della corona con il tuo sé interiore. Le posizioni che sostengono questo includono quelle che concludono una pratica yoga, come savasana o la posizione del cadavere.

 

Risorse diANAHANA CHAKRAS

CHIEDILO DI CHAKRAS

Chakra

Chakra delle radici

Chakra sacrale

Chakra del plesso solare

Chakra del cuore

Chakra della gola

Third Eye Chakra

Crown Chakra

 

Riferimenti

Simboli degli animali Chakra e significato su Whats-Your-Sign.com

Crown Chakra Tutto quello che hai sempre voluto sapere - PRATICA YOGA

ENDOCRINOLOGY OF THE STRESS RESPONSE | Annual Review of Physiology

Il cuore e il cervello: una relazione intima e sottovalutata | SpringerLink

Yoga Nidra: un approccio innovativo per la gestione dell'insonnia cronica - Un case report | Sleep Science and Practice | Full Text

5 suggerimenti per il bilanciamento dei chakra per allineare le tue energie interne | Bene+Bene

Apertura dei Chakra: Nuovi miti e vecchie verità

Un intervento yoga per lo stress post-traumatico: A Preliminary Randomized Control Trial

Stime nazionali di esposizione ad eventi traumatici e prevalenza di PTSD utilizzando i criteri DSM-IV e DSM-5 - Kilpatrick - 2013 - Journal of Traumatic Stress - Wiley Online Library

Comprensione dell'Energia Divina Femminile e Divina Maschile - Coaching Vibrant Lifestyle

 

donna che pratica iyengar yoga

Iyengar Yoga

L'Iyengar Yoga prende il nome dal suo fondatore B.K.S. Iyengar. Iyengar si concentra sull'allineamento e gli insegnanti di Iyengar yoga seguono una...

Continue Reading
giovane donna che pratica il kundalini yoga posizione del cobra

Kundalini Yoga

Il Kundalini yoga consiste in diverse tecniche di respirazione, movimenti ripetitivi, meditazione, pratica spirituale e sviluppo personale. Questa...

Continue Reading
donna che esegue la posizione yoga dell'affondo basso della lucertola

Posizioni dello Yin Yoga

Nello Yin yoga si mantengono le posizioni per tre o cinque minuti, concentrandosi sul rilassamento dei muscoli che si stanno allungando. In questo...

Continue Reading