5

Resilienza

Ultimo aggiornamento: maggio 9, 2024

Featured Image

Table of Contents

La resilienza, la capacità di riprendersi dalle difficoltà, è un'abilità di vita accessibile a ciascuno di noi. Grazie alla pazienza e alla perseveranza, possiamo superare i momenti difficili e uscirne rafforzati.

Che cos'è la resilienza?

La parola resilienza deriva dal verbo latino resilire, che significa indietreggiare o saltare indietro. Secondo l'American Psychological Association (APA), la resilienza si riferisce alla nostra notevole capacità di adattarci o di superare le avversità.

Nel nostro percorso umano, spesso affrontiamo momenti difficili che possono far sembrare la resilienza difficile da raggiungere o in cui credere. Ma la resilienza non è qualcosa di fisso o che sparisce; è qualcosa che ognuno di noi ha dentro di sé, in attesa di essere sfruttato.

Nei momenti difficili, molti di noi si rivolgono alle nostre amate creature di conforto e alle strategie di coping familiari, anche se imperfette o malsane, in cerca di conforto. Queste comodità sono una parte naturale dell'essere umano, quindi, invece di vergognarci, possiamo accettarci con compassione e comprensione.

Allo stesso tempo, quando abbracciamo e ci impegniamo veramente per la nostra resilienza, sostituiamo questi comportamenti di coping con altri che nutrono e sostengono il nostro benessere. Dopo tutto, è nei momenti più difficili che spesso troviamo la nostra forza più grande.

Segni di una persona resiliente

Come si manifesta la resilienza nella nostra vita quotidiana? Ecco cinque segnali da tenere d'occhio:

Adattabilità

Le persone resilienti possiedono la straordinaria capacità di adattarsi ai cambiamenti delle circostanze con grazia e flessibilità. Considerate la storia di un amico che ha affrontato una battuta d'arresto inaspettata ma è rimasto aperto a nuove possibilità, modificando i propri piani e trovando soluzioni innovative lungo il percorso.

Prospettive positive

"Quando c'è una grande delusione, non sappiamo se è la fine della storia. Potrebbe essere solo l'inizio di una grande avventura" - Pema Chodrön, Quando le cose vanno in pezzi: Consigli del cuore per i momenti difficili.

Mantenere una prospettiva di speranza può illuminare anche i momenti più bui, favorendo la resilienza di fronte alle avversità. Pensate a qualcuno che, nonostante gli ostacoli, sceglie di vedere le battute d'arresto come opportunità di crescita e trasformazione, trovando forza nell'ottimismo.

Un forte sistema di supporto

La resilienza fiorisce nell'abbraccio rassicurante di relazioni di sostegno. Immaginate una comunità di persone care che offrono incoraggiamento, empatia e assistenza costanti, fornendo un'ancora di salvezza nei momenti difficili.

Consapevolezza e regolazione delle emozioni

Scavare in profondità e accedere alla nostra resilienza significa avere una profonda comprensione delle nostre emozioni e accedere a meccanismi di coping sani per affrontarle. Impegnarsi in pratiche come la mindfulness o l'autoriflessione, che ci aiutano a elaborare e comprendere le nostre emozioni, può essere incredibilmente radicante e stabilizzante.

Senso dello scopo

Il senso dello scopo ci sostiene e alimenta la nostra resilienza, dando significato e direzione al nostro viaggio. Pensiamo alle persone che conosciamo o che ammiriamo (magari entrambe!) che trovano uno scopo nelle loro passioni e nei loro valori, che li spingono a intraprendere azioni significative e a perseverare nelle sfide con determinazione e risolutezza.

Notando e coltivando questi segni di resilienza in noi stessi e in chi ci circonda, possiamo superare i momenti difficili e testimoniare davvero quanto siamo forti e capaci.

Tipi di resilienza

tipi di resilienza

La resilienza comprende numerosi punti di forza che ci aiutano a superare i momenti difficili. Esploriamo i quattro tipi principali: resilienza psicologica, emotiva, fisica e comunitaria.

Resilienza psicologica

La resilienza psicologica o mentale riguarda la nostra forza interiore, il modo in cui gestiamo le situazioni difficili senza lasciarci sopraffare (o almeno, così sopraffatti da evitare o non riuscire a vedere potenziali soluzioni o strade da percorrere). Pensiamo, ad esempio, a chi affronta una battuta d'arresto sul lavoro ma rimane concentrato e ottimista, trovando il modo di andare avanti.

Resilienza emotiva

La resilienza emotiva consiste nel modo in cui gestiamo e regoliamo i nostri sentimenti, soprattutto nei momenti difficili. È come sapere quando ci sentiamo stressati o turbati e trovare modi sani per affrontarli, che si tratti di parlare con un amico o di fare qualcosa che ci piace.

Resilienza fisica

I nostri corpi sono i vasi attraverso i quali sperimentiamo la vita e la resilienza fisica è ciò che li mantiene forti e vibranti. Si tratta di riprendersi da malattie o infortuni, di rimanere attivi e di nutrire il nostro corpo con riposo, nutrimento e movimento gioioso.

Resilienza della comunità

La resilienza comunitaria è semplicemente la forza condivisa che emerge quando i gruppi affrontano insieme situazioni difficili. Si tratta del modo in cui le comunità si uniscono, si sostengono a vicenda e trovano soluzioni nei momenti difficili, che si tratti di riprendersi da un disastro naturale o di affrontare le difficoltà economiche. È il potere della connessione e della solidarietà in azione.

Alimentare la resilienza: 3 benefici pratici per la vita quotidiana

La resilienza, spesso trascurata, è il nostro superpotere segreto per superare le sfide personali. Ecco tre motivi per cui coltivare la resilienza non è solo vantaggioso, ma anche fondamentale per il nostro benessere quotidiano:

  • Alleviare lo stress: La resilienza ci aiuta a superare le situazioni difficili a mente lucida. Pensate a una volta in cui siete rimasti composti durante un momento difficile, affidandovi alla vostra forza interiore per rimanere saldi.

  • Autocompassione: La resilienza ci permette di praticare l'autocompassione, offrendo gentilezza e comprensione a noi stessi quando inciampiamo o cadiamo. Immaginate un amico premuroso che vi offre parole di incoraggiamento e sostegno, ricordandovi che è giusto (e normale!) essere imperfetti.

  • Aumento della fiducia: La resilienza alimenta la nostra autostima, consentendoci di affrontare le sfide a testa alta. Ricordate una situazione in cui avete superato qualcosa di incredibilmente difficile e ne siete usciti rafforzati; questo dimostra la vostra resilienza e aumenta la vostra autoefficacia e fiducia.

Come costruire e mantenere la resilienza

Sebbene l'età, la storia personale e l'ambiente contribuiscano ai nostri livelli iniziali di resilienza, è importante ricordare che la nostra resilienza è fluida, non è incastonata nella pietra. I bambini sviluppano la resilienza nel tempo, offrendo spunti per la sua coltivazione da parte degli adulti.

Riconoscere, lasciare spazio e riformulare i pensieri negativi

Possiamo diventare più resilienti impegnandoci a pensare e riflettere con consapevolezza. Nell'ambito della terapia cognitivo-comportamentale, costruire la resilienza significa riflettere con attenzione e modificare i comportamenti e i processi di pensiero negativi. Il primo passo è impegnarsi in un discorso positivo su se stessi e identificare le emozioni e i modelli di comportamento positivi e negativi.

La ricerca sulla resilienza suggerisce anche che l'incapacità di affrontare efficacemente le difficoltà (non utilizzando le nostre capacità di resilienza) può portare a stati emotivi negativi o a condizioni di salute mentale come depressione, ansia e stress.

Calmare la mente e il corpo

Il secondo passo è sfruttare la nostra forza interiore e adattare le capacità di coping che rispondono alle nostre esigenze, aiutandoci a ridurre i livelli di stress.

Esistono modi di respirare che hanno un impatto diretto sui nostri stati biologici e che ci calmano. I meccanismi di coping più comuni includono l'esercizio fisico, l'attività fisica, la respirazione profonda, il miglioramento dell'igiene del sonno, il dormire a sufficienza e lo svolgimento di attività o hobby che ci piacciono.

Controintuitivamente, cercate di vedere il lato positivo

Trovare la luce nelle tenebre può sembrare un'impresa ardua, soprattutto quando la vita ci pone di fronte alle sfide più difficili. Eppure, anche in mezzo alle circostanze più burrascose, barlumi di speranza attendono di essere scoperti.

Nei momenti di avversità, praticare un discorso positivo su di sé potrebbe inizialmente sembrare estraneo o addirittura frivolo. Tuttavia, la ricerca suggerisce che inondare la nostra mente di pensieri ottimistici può placare il rumore della negatività e, nel contempo, affinare la nostra attenzione. Riformulando le nostre prospettive attraverso una lente più positiva, non solo modifichiamo il nostro paesaggio emotivo, ma apriamo anche la strada ad azioni trasformative.

Promuovere la resilienza richiede tempo e pratica, non è un segno di mancanza di resilienza. A volte può essere difficile capire da dove cominciare e quali abilità di coping utilizzare, soprattutto quando non ci sentiamo al meglio. In questi casi, rivolgersi a un professionista della salute mentale che ci guidi nel processo può essere la forma più efficace di cura di sé.

Conclusione

Ognuno di noi può acquisire le capacità per sviluppare la resilienza. Nei momenti difficili, possiamo concentrarci sul presente (piuttosto che ruminare o preoccuparci del passato o dei "e se" futuri). Con il tempo, e con pazienza, possiamo sfruttare le emozioni positive e la forza per costruire la resilienza e crescere.

Riferimenti

Resilienza | APA

Resilienza: Che cos'è e che cosa non è. Walker, B. H. (2020)

Come essere più resilienti: 8 modi per costruire la propria resilienza | Calma

Gestire lo stress e costruire la resilienza | mind.org

Dichiarazione di non responsabilità

I contenuti di questo articolo sono forniti solo a scopo informativo e non intendono sostituire una consulenza medica, una diagnosi o un trattamento professionale. Si raccomanda sempre di consultare un operatore sanitario qualificato prima di effettuare qualsiasi cambiamento relativo alla salute o in caso di domande o dubbi sulla propria salute. Anahana non è responsabile di eventuali errori, omissioni o conseguenze derivanti dall'uso delle informazioni fornite.