8 lettura minuti

Lo stress e la pressione

Esistono essenzialmente due modi per gestire lo stress e quasi tutti propendono per l'uno o l'altro. È tutta una questione di gestione dello stress.

Come affrontare lo stress

un diario personale o di lavoro con segni di stress e di pressione

Il primo modo offre una tregua a breve termine. Non richiede molta riflessione. Anzi, spesso è un riflesso, una reazione istantanea contro le emozioni e i sentimenti spiacevoli che si provano in una situazione di stress.

Tra gli esempi di questo modo di gestire lo stress e l'alleviamento dello stress vi sono:

  • Uso di droghe
  • Eccessivo consumo di cibo o di alcol
  • Spendere denaro in modo frivolo
  • Impegnarsi in altri comportamenti che alterano la mente (spesso rischiosi)

L'altro modo di gestire lo stress offre risultati a lungo termine, ma a breve termine può essere più impegnativo. Inoltre, richiede una maggiore riflessione. Questo perché, francamente, questo modo di fare le cose non è divertente come l'altro modo di gestire lo stress! Queste attività, invece, servono più che altro a fare silenzio, a rallentare e a tranquillizzarsi in modo sano.

Esempi di questo modo di gestire lo stress sono:

  • Praticare yoga o fare stretching alla scrivania
  • Andare a correre o colpire un sacco da boxe
  • Fare un bagno di schiuma
  • Pulire la scrivania

Come si gestisce lo stress?

Se la vostra risposta è la prima, non siete soli. In effetti, molte persone gestiscono lo stress in questo modo. Questo perché lo stress fa schifo! Tutti concordano sul fatto che si tratta di un'emozione negativa di cui tutti vorremmo liberarci il prima possibile. Lo stress ci rende tristi, frustrati e persino arrabbiati. Di conseguenza, non sorprende che le persone stressate vogliano sentirsi bene... il prima possibile, soprattutto per la loro salute mentale.

Questo porta al primo modo di gestire lo stress: quelle reazioni istantanee di cui di solito ci si pente subito dopo averle fatte: bersi una birra di troppo, telefonare a un ex, stravaccarsi davanti alla televisione, consumare troppo cibo spazzatura, evitare le proprie responsabilità, ignorare i propri piani di fare esercizio fisico, ecc. Ciò di cui avete bisogno è un piano di gestione dello stress adeguato.

La buona notizia è che se riuscite a vedere voi stessi scegliere questa strada, questo è il primo passo per abbandonarla e imboccarne una più intelligente.

Il modo saggio di gestire lo stress

Conosciamo già il modo intelligente e saggio di gestire lo stress. Si tratta di fare silenzio, di rallentare, di calmarsi in modo sano e, se possibile, di evitare le situazioni di stress.

Ma tutto comincia con il rendersi conto di quando si comincia a essere troppo stressati.

Pensateci: come fate a sapere quando siete stressati?

Sapete quando siete già a tre o quattro scotch?

Oppure quando vi ritrovate a scoppiare in lacrime quando qualcosa di relativamente piccolo va storto? Avete presente quando litigate pesantemente con il vostro partner?

L'ideale sarebbe individuare i primi segnali di stress molto prima di arrivare a questi punti, iniziando a imparare a essere consapevoli dei propri pensieri, sentimenti ed emozioni. Se non siete abituati ad auto-monitorarvi, questa può essere un'abilità nuova per voi, ma vi sarà utile per il resto della vostra vita e la gestione dello stress è una parte essenziale in questo, aiutandovi a gestire lo stress e la pressione.

Per imparare ad auto-monitorarsi, un ottimo punto di partenza è la mindfulness.

Che cos'è la mindfulness?

La pratica della mindfulness deriva da antiche pratiche buddiste. Il fulcro della mindfulness consiste nel rimanere nel momento presente e nel monitorare e osservare tutto ciò che è possibile fare sia nel mondo interno che in quello esterno.

È possibile praticare la mindfulness in qualsiasi momento e in qualsiasi luogo. L'obiettivo è rimanere presenti e il modo migliore per farlo è concentrarsi sul respiro. Il respiro, infatti, è sempre presente e sempre in atto.

Inevitabilmente, però, la vostra mente vagherà. Vagherà tra cose belle e brutte, preoccupazioni, pensieri felici, emozioni intense, sogni a occhi aperti e tutto quello che c'è in mezzo.

Non c'è problema.

Osservate questi pensieri, emozioni e sentimenti e cercate di non giudicarli.

Accettateli invece per quello che sono e non allontanateli. Appena possibile, spostate semplicemente l'attenzione della mente sul respiro.

In questo modo, imparerete a vedere esattamente quando i vostri pensieri, sentimenti ed emozioni iniziano ad andare alla deriva verso uno stato di "stress". Per esempio, se state praticando la mindfulness al lavoro e osservate la vostra mente vagare verso il passato e la terribile lite che avete avuto con il vostro coniuge lo scorso fine settimana, vi accorgerete che si tratta di un pensiero e di un insieme di sentimenti che vi preoccupano in modo latente. Questo è un buon punto di partenza per correggere la situazione.

Se numerosi altri pensieri ed emozioni stressanti filtrano frequentemente attraverso la vostra pratica di mindfulness, questi sono segnali che vi stanno stressando eccessivamente.

Quando ci si accorge di essere eccessivamente stressati, è il momento di prendere una pausa prima di agire immediatamente.

Questo passo è fondamentale e può essere fatto anche se non si colgono i primi segnali di stress.

L'obiettivo principale è fermarsi prima di reagire meccanicamente allo stress. Perché ricordate: sono proprio le reazioni automatiche (cercare i dolci o l'alcol, dire a se stessi che è meglio saltare l'esercizio fisico della giornata...) a mettervi nei guai quando gestite lo stress.

Come si fa a smettere quando si sa di essere stressati?

Il modo migliore è trovare un posto tranquillo per almeno tre o quattro minuti. Questo può significare andare alla toilette se si è al lavoro o a scuola. Se si è a casa, si può andare in camera da letto e chiudere la porta per un momento. Potete anche trovare un momento per voi stessi in macchina.

In questo periodo è fondamentale porsi alcune domande:

1. Cosa mi preoccupa?

A volte non lo si sa subito. Potrebbe trattarsi di una combinazione di cose che vi preoccupano, o forse è solo un fastidio sfuggente che non riuscite a individuare. Tuttavia, se riuscite a individuare la causa dello stress, questo può essere utile.

2. Cosa voglio fare con queste emozioni in questo momento?

Qual è la vostra reazione istintiva allo stress eccessivo? Volete infierire sul vostro collega? Andare al supermercato e comprare un sacco di cibo spazzatura? Annullare il programma di esercizi con il vostro compagno di allenamento?

Capire con cosa si ha a che fare.

3. Che cosa succederà se faccio quello che voglio davvero fare in questo momento?

Con ogni probabilità, avete già fatto qualsiasi cosa vogliate fare, e se si tratta di qualcosa come litigare con qualcuno o di accantonare le responsabilità, molto probabilmente i risultati non sono stati positivi. Cercate di concentrarvi sulle conseguenze negative di un comportamento meccanico e irrazionale e di una mancata riflessione sulle vostre azioni.

4. Che cos'altro sarei felice di fare in questo momento, senza che ciò comporti sentimenti negativi in seguito?

Ci sono altre cose che potete fare per sentirvi meglio e che non sono irrazionali e malsane.

Ecco alcune delle migliori opzioni per gestire lo stress e la pressione, ricordando che ogni persona e ogni situazione saranno diverse.

  • Passeggiate all'aperto
  • Prendere a pugni un sacco da boxe
  • Uscire al ristorante preferito per una cena o un pranzo delizioso e relativamente sano.
  • Fare un pisolino
  • Chiamare un amico
  • Fare yoga sul pavimento
  • Fare un bagno caldo con le bolle
  • Scrivere su un diario
  • Accendere una candela e leggere un libro

L'obiettivo è quello di fare qualcosa che non sia malsano (come mangiare troppo o spendere soldi che non si hanno) ma che dia comunque un po' di sollievo dalla tensione e dallo stress.

Anche in questo caso, ciò che vi dà sollievo dallo stress cambierà inevitabilmente. Ecco perché è bene avere molte opzioni. Una settimana potreste decidere di fare un bagno rilassante per ridurre lo stress, mentre la settimana successiva un bagno caldo potrebbe sembrarvi orribile e preferireste andare in una palestra di boxe e sfogare la vostra frustrazione su un sacco da boxe.

Tenete una lista di comportamenti che riducono lo stress e che possono essere utili nei momenti difficili.

Successivamente, individuare le principali fonti di stress.

Una volta raggiunto uno stato più calmo e libero dallo stress, è necessario riflettere su ciò che ha causato la sovrabbondanza di stress. L'obiettivo è quello di riuscire a identificare i vostri principali indicatori di stress. In questo modo, potrete fermare l'effetto "palla di neve" dello stress prima che inizi o almeno prima che vi sfugga di mano.

In generale, lo stress può essere causato dal sentirsi sopraffatti dalle responsabilità. Pertanto, per molte persone, l'eccesso di stress deriva dal dire "sì" a troppe cose.

Se questo è il vostro caso, è ora di iniziare a dire "no" a più cose. Il sovraccarico di lavoro è una ricetta per il disastro. Prendersi del tempo per se stessi e per le cose che ci interessano può aiutarci a stare lontani dai momenti super stressanti della vita, aiutandoci a sentirci più rilassati.

In alcuni casi, invece, lo stress non può essere evitato. Ad esempio, se i vostri figli sono malati e nello stesso tempo siete super impegnati al lavoro e vi state preparando a cambiare casa... si può davvero evitare una di queste cose?

La risposta è probabilmente no. Quindi, la scelta migliore è quella di fare del proprio meglio. Prendetela con calma. Utilizzate le vostre sane abitudini per ridurre lo stress il più spesso possibile.

Alcuni esempi di situazioni stressanti che potrebbero essere considerate come fattori scatenanti dello stress sono:

  • Colloquio di lavoro
  • L'insegnante deve rispondere alla domanda
  • Colloquio per un ruolo dirigenziale
  • Domande comuni per i colloqui
  • Richiesta di descrivere la propria esperienza lavorativa
  • Perché sareste adatti ad un ruolo
  • Quali sono le vostre soft skills
  • Cercare di capire come risolvere un problema
  • Sapere che la data di scadenza si sta avvicinando
  • Presentare alla direzione qualcosa che si ritiene essere una buona idea
  • Quando vi viene posta una domanda come: "Come gestisci il lavoro sotto pressione"
  • Come rimanere motivati nonostante la pressione costante o un ambiente tossico
  • L'importante è non stressarsi, rimanere motivati e credere in se stessi.

In secondo luogo, vorrete adottare alcuni nuovi comportamenti che possono contribuire a ridurre l'impatto dello stress, anche se inevitabile... su scala più ampia:

Impegnarsi regolarmente in nuove abitudini e comportamenti sani che riducono intrinsecamente lo stress

Non c'è modo di sradicare tutto lo stress, né dovremmo puntare a farlo. Lo stress regolare non solo fa parte della vita, ma, che ci crediate o no, può anche essere positivo. Sentirsi stressati per una presentazione importante o una competizione imminente significa semplicemente che si è preoccupati per questi eventi.

Impegnandosi in comportamenti regolari e salutari di cura di sé, tuttavia, è possibile ridurre gli effetti negativi complessivi di qualsiasi evento stressante.

Ecco le abitudini che potreste considerare di provare regolarmente:

  • Meditazione
  • Pratica di mindfulness
  • Lo yoga
  • Mangiare sano
  • Esercizio fisico regolare

Gli ultimi due comportamenti sono abbastanza semplici: Mangiare una dieta equilibrata a base di verdura, frutta, cereali integrali, proteine magre e grassi sani e muoversi regolarmente. In alcuni casi, anche lo yoga può essere una forma di esercizio fisico regolare (sebbene sia necessario concentrarsi anche sull'attività cardiovascolare e sull'allenamento della forza).

La meditazione, la pratica della consapevolezza e lo yoga sono un po' più impegnativi, ma il loro effetto sui livelli di stress può cambiare la vita:

La meditazione viene praticata da migliaia di anni ed è uno dei modi migliori per attivare la "risposta di rilassamento". Con soli 10 minuti di meditazione al giorno, potete ridurre lo stress e l'ansia nella vostra vita, imparare a concentrarvi meglio e insegnare al vostro corpo e alla vostra mente a rilassarsi profondamente ogni volta che lo desiderate.

La meditazione può essere praticata da soli, con un partner o un gruppo, o in una classe. Molte persone trovano che brevi periodi di meditazione possono aiutare a calmare la mente nei momenti in cui si ha la sensazione di assumere comportamenti non salutari a causa dello stress.

La pratica della mindfulness è un argomento che abbiamo già trattato, ma che vale la pena di menzionare nuovamente. Questa pratica può essere utilizzata sempre e ovunque. Infatti, è possibile insegnare a essere sempre attenti, un'idea sostenuta dal buddismo antico e praticata da monaci e monache buddisti.

Perché la mindfulness è così utile per ridurre lo stress?

Vi insegna a evitare la ruminazione e una mente selvaggia che non riesce a concentrarsi. Vi aiuta a godervi la vita sottolineando l'importanza del momento presente. Infine, vi aiuta a identificare i vari pensieri, sentimenti ed emozioni che potrebbero infastidirvi, in modo che possiate imparare a correggerli o ad occuparvene, oppure ad accettarli radicalmente come parte del ritmo altalenante della vita.

Lo yoga può anche essere praticato quasi ovunque. Sebbene sia possibile frequentare corsi di yoga, si può praticare anche alla scrivania del lavoro, a casa sul pavimento della camera da letto e persino mentre si fa la fila all'ufficio postale.

Lo yoga aiuta a ridurre lo stress insegnando a concentrarsi sul respiro e a respirare in modo più efficace in generale. Le posizioni e i movimenti dello yoga rilassano il corpo e di conseguenza anche la mente. Questo può aiutare a liberare l'energia emotiva e a sviluppare una connessione più forte tra corpo e mente. Se siete alla ricerca di un sollievo dal dolore, una sequenza di yoga dolce potrebbe essere la vostra risposta.

Iniziate oggi a ridurre lentamente lo stress nella vostra vita

Tenete presente che imparare a vivere una vita più libera dallo stress sarà un viaggio senza fine.

La buona notizia è che potete iniziare lentamente, ma assicuratevi di iniziare. Aggiungete le pratiche di riduzione dello stress una alla volta. Anche se i progressi possono essere graduali, i vantaggi che otterrete da una vita meno frenetica, meno stressante e piena di ansia non possono essere eguagliati. Parlate con uno dei nostri consulenti del benessere per sapere come possiamo aiutarvi. Ricordate, la telefonata è GRATUITA!

RISORSE ANAHANA PER LA GESTIONE DELLO STRESS

WIKI SULLA GESTIONE DELLO STRESS

Gestione dello stress

Attività di gestione dello stress

Gestione dello stress per gli adolescenti

Stress sul posto di lavoro

Stress e pressione

BLOG SULLA GESTIONE DELLO STRESS

Come rilassare la mente

Risorse

https://www.who.int/occupational_health/topics/stressatwp/it/

https://www.who.int/occupational_health/topics/brunpres0307.pdf?ua=1

https://hms.harvard.edu/news/college-stress

https://www.eurekalert.org/pub_releases/2018-08/aha-ado082318.php

https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC2633295/

 giovane donna d'affari che si sente stressata al lavoro e ha bisogno di un sollievo dallo stress sul posto di lavoro

Stress sul posto di lavoro

I dirigenti di oggi devono affrontare una serie di sfide uniche quando si tratta di gestire lo stress. Non solo lo stress in sé è un peso enorme per...

Continue Reading
adolescente sdraiato sul divano che ascolta musica come parte della gestione dello stress per adolescenti

Gestione dello stress per adolescenti

È risaputo che gli anni dell'adolescenza possono essere tra i più stressanti. Secondo l'American Psychological Association, il 37% degli adolescenti...

Continue Reading
uomo seduto a terra che svolge attività di gestione dello stress per ridurre lo stress nella sua vita quotidiana

Attività di gestione dello stress

In questi giorni si parla di stress ovunque. Ma perché? In fondo, in molte situazioni lo stress è positivo. Può aiutarci a motivarci a lavorare di...

Continue Reading