10

Disturbi del sonno

Ultimo aggiornamento: aprile 23, 2023

Featured Image

Table of Contents

Disturbo del sonno è un termine generico che comprende varie condizioni di salute che modificano il ritmo del sonno di una persona. Esistono molti tipi di disturbi del sonno, ognuno dei quali si presenta con segni e sintomi diversi. I disturbi del sonno possono influire sulla salute fisica, mentale ed emotiva di una persona e sulla sua qualità di vita complessiva.

Disturbi del sonno e cosa sonoIl sonno è il processo fisico attraverso il quale il corpo e la mente si trovano in uno stato di completo riposo; si verifica una mancanza di mobilità fisica, oltre a movimenti oculari lenti, una risposta ridotta agli stimoli esterni, una funzione cognitiva compromessa e uno stato di incoscienza reversibile. Sebbene non sia chiaro il motivo per cui il sonno sia necessario, la ricerca dimostra che questo processo consente al corpo e alla mente di svolgere molte funzioni, come il ripristino fisico, l'apprendimento e il consolidamento della memoria.

 

L'importanza del sonno

È dimostrato che la mancanza di sonno è causa di molti problemi a breve e lungo termine. Gli esseri umani dormono per circa un terzo della loro vita. È quindi importante sottolineare l'importanza di un sonno di buona qualità per evitare effetti negativi. Le conseguenze a breve termine di un sonno insufficiente includono problemi di memoria, difficoltà a pensare con chiarezza, riduzione dell'attenzione e della concentrazione, peggioramento della qualità della vita, aumento del tasso di assenteismo, riduzione della produttività e aumento del rischio di incidenti sul lavoro, a casa o in viaggio.

Un tempo prolungato di sonno insufficiente porta alla privazione del sonno, con conseguente aumento della morbilità e della mortalità, malattie coronariche, insufficienza cardiaca, ipertensione arteriosa, obesità, diabete mellito di tipo due, ictus, disturbi della memoria e depressione possono verificarsi quando un individuo è privato del sonno. I disturbi del sonno possono avere un forte impatto sulla qualità della vita e sulla vita familiare.

 

Il ritmo circadiano

Gli esseri umani possiedono un orologio biologico interno che regola il processo di sonno e di risveglio. Questo processo stabilisce il cosiddetto ritmo circadiano. Questo ciclo ha un ritmo giornaliero che si ripete nell'arco di circa 24 ore. Un'area del cervello controlla questo ritmo sonno-veglia, chiamata ipotalamo, che regola alcune funzioni fisiologiche per promuovere il comportamento di sonno e veglia. Il corretto funzionamento di questo ciclo porta a un sonno riposante e a modelli di sonno normali.

Il ritmo circadiano, sebbene sia controllato internamente, è anche influenzato da fattori ambientali esterni, come gli orari e la luce. Una variazione di questi fattori esterni, come un cambio d'orario o un turno di lavoro notturno, può causare un disallineamento e portare a determinati problemi di sonno.

Una volta entrato in uno stato di sonno, il corpo umano passa attraverso due diverse fasi del sonno. La prima è quella del movimento rapido degli occhi (REM), che consiste in una fase di sonno più leggera e meno riposante. Nella fase REM, i muscoli del corpo sono tutti fermi, tranne quelli degli occhi e della respirazione, che rimangono attivi, da cui il nome "movimento rapido degli occhi". Questa fase è comunemente identificata come la "fase dei sogni", poiché la maggior parte dei sogni e degli incubi si verificano durante la fase del sonno dell'individuo. Questa parte del ciclo è tipicamente breve e si allunga con il passare della notte.

La seconda fase, chiamata sonno con movimenti oculari non rapidi (NREM), può essere suddivisa in 3 fasi distinte. L'NREM è la fase in cui l'individuo trascorre la maggior parte del suo sonno; l'NREM passa attraverso il sonno leggero, il sonno più profondo e il sonno più profondo.

 

Tipi di disturbi del sonno

tipi di disturbi del sonno

Disturbi del ritmo circadiano

Il ritmo circadiano regola il nostro ciclo sonno-veglia. Eventuali problemi con questo ciclo o cambiamenti di fattori esterni possono causare disturbi. Il sonno, in genere, vince su un individuo ore dopo che l'ipotalamo secerne la melatonina (un ormone del sonno che provoca stanchezza).

 

Disturbi di fase

Il ritmo circadiano, o ciclo sonno-veglia, segue in genere un orologio di 24 ore. In alcuni casi, il ciclo del sonno umano è inferiore o appena superiore alle 24 ore. Questo fa sì che il ritmo circadiano dell'individuo venga progressivamente anticipato o ritardato rispetto alla norma. Questa spinta costante può disallineare in modo sostanziale il ritmo circadiano, facendo sì che una persona segua un programma di sonno diverso dal resto. Questo fenomeno è frequente nelle persone non vedenti, perché non hanno segnali di luce e buio.

In alcuni casi, il processo di secrezione della melatonina può avvenire troppo tardi rispetto agli orari di sonno previsti dalla società. Ciò comporta il cosiddetto disturbo ritardato della fase sonno-veglia. Questa condizione non causa una cattiva qualità del sonno o sintomi negativi; in genere ritarda il sonno di una certa durata. L'individuo si sveglia comunque riposato e riposato, ma si addormenta più tardi rispetto alla norma. A causa del numero ridotto di sintomi, spesso non viene diagnosticato o viene erroneamente scambiato per disturbi come l'insonnia.

D'altra parte, il processo di addormentamento può avvenire troppo presto rispetto al normale tempo di sonno di un essere umano, causando un disturbo avanzato della fase sonno-veglia. Si tratta della stessa cosa del disturbo della fase di sonno-veglia ritardata, ma anticipa il ciclo del sonno di una certa quantità di tempo.

 

Disturbo del sonno da lavoro a turni

Un ultimo disturbo del ritmo circadiano è il disturbo del sonno da lavoro a turni, che può essere spiegato dal suo nome: le persone che hanno un lavoro con turni alternati sono suscettibili di sviluppare questo disturbo perché seguono intenzionalmente un programma di sonno diverso. Ciò provoca sintomi simili all'insonnia, come la difficoltà a dormire nelle ore normali e l'eccessiva sonnolenza nelle ore non appropriate.

 

Dissonnie

Dissonnia è un termine che designa le condizioni di insonnia e le ipersonnie, tra cui la narcolessia e l'ipersonnia idiopatica.

 

Insonnia

L'insonnia è un disturbo in cui le persone hanno difficoltà ad addormentarsi e a mantenere il sonno. Le persone affette da questa patologia spesso lamentano una scarsa qualità del sonno, difficoltà ad addormentarsi o un inizio tardivo del sonno, e si svegliano spesso nel cuore della notte o al mattino presto. Si tratta di una condizione frustrante che provoca altri sintomi dell'insonnia, come un'eccessiva sonnolenza durante il giorno, problemi cognitivi che includono disturbi della memoria e dell'attenzione e disturbi dell'umore. Una presentazione prolungata di questo specifico disturbo del sonno può causare insonnia cronica, con conseguenti sintomi di insonnia a lungo termine.

Analizzando le cause di questo disturbo, è emerso che le persone affette da insonnia hanno una corteccia cerebrale più attiva al momento dell'inizio del sonno e durante il sonno REM, che le porta a sentirsi più sveglie o ad avere più disturbi durante le fasi REM. Questa corteccia iperattiva, insieme a fattori genetici, comportamentali, cognitivi ed emotivi, contribuisce all'insonnia.

 

Ipersonnia

L'ipersonnia causa un'eccessiva sonnolenza diurna, anche in presenza di un'adeguata quantità di sonno notturno, e tempi di sonno più lunghi del solito o del necessario. Altri disturbi del sonno sottostanti, traumi cranici o idiopatie possono causare ipersonnie. Se l'ipersonnia è senza causa, si tratta di ipersonnia idiopatica.

 

Parasonnie

Le parasonnie sono disturbi che provocano movimenti e comportamenti anomali durante il sonno o la veglia. Le parasonnie non sono così comuni come altri disturbi del sonno e possono essere spesso diagnosticate in modo errato, talvolta scambiate per crisi epilettiche a causa dei modelli di movimento insoliti che possono presentare.

Alcune parasomnie includono il disturbo del comportamento nel sonno REM. Questo disturbo è più comunemente osservato negli individui anziani ed è descritto come la perdita del sonno REM a causa della perdita muscolare e si presenta con attività motorie insolite durante il sonno. Quando vengono osservati, questi individui presentano movimenti violenti e un comportamento che agisce in sogno, spesso causando lesioni autoinflitte o lesioni ad altri.

 

Pavor Nocturnus

Il terrore nel sonno, o Pavor Nocturnus, provoca periodi di intensi sintomi autonomici e motori, come un urlo, durante la fase più profonda del sonno non a rapido movimento oculare. Questo disturbo del sonno è molto comune tra i 5 e i 7 anni, soprattutto nei bambini con una storia di sonnambulismo. Questi soggetti si svegliano confusi e inconsolabili senza una causa apparente.

 

Narcolessia

Un'altra parasomnia meno comune è la narcolessia, un disturbo in cui la persona sperimenta un'eccessiva sonnolenza diurna e sente l'irresistibile bisogno di addormentarsi in orari e circostanze inappropriati, oltre a una debolezza muscolare inspiegabile e improvvisa. Molti hanno chiamato questi episodi "attacchi di sonno" perché si presentano in modo improvviso e imprevedibile. Questi attacchi di sonno possono durare tra i 20 e i 30 minuti e la persona si sente in genere più riposata al termine.

Il ritmo circadiano è in genere facilmente definibile in base alle sue fasi di sonno-veglia. Condizioni come la paralisi del sonno possono allargare questi confini. Si tratta di una condizione in cui l'individuo è fisicamente incapace di muoversi, sia subito dopo essersi addormentato che al risveglio. La persona sperimenta la paralisi fisica pur essendo completamente cosciente nella sua mente, spesso sperimentando allucinazioni visive legate al sonno e l'impressione di essere soffocata.

Si ritiene che questa parasonnia, un mistero clinico, derivi da uno stato di coscienza misto. Le allucinazioni possono spesso essere spaventose, lasciando la persona spaventata e ansiosa.

 

Disturbi respiratori legati al sonno

I disturbi respiratori legati al sonno comprendono in genere l'apnea ostruttiva del sonno, l'apnea centrale del sonno e l'ipoventilazione legata al sonno. L'apnea notturna è un altro termine generale che comprende tre tipi: apnea ostruttiva del sonno, apnea centrale del sonno e apnea centrale del sonno. Tutte rientrano nella stessa definizione generale: una momentanea pausa respiratoria durante il sonno. L'apnea ostruttiva del sonno si verifica quando durante il sonno si verifica un'ostruzione delle vie aeree superiori, che causa una pausa nella respirazione di almeno 10 secondi. Questo può essere visto come un problema fisico, come la struttura delle vie aeree.

L'apnea centrale del sonno, invece, è causata da una pausa del flusso d'aria quando manca lo sforzo per respirare. Si tratta di un problema fisiologico che deriva dal centro respiratorio del cervello. Una combinazione di entrambi i tipi di apnea notturna è chiamata apnea notturna complessa.

Questa patologia può passare inosservata per molto tempo perché i sintomi vengono solitamente osservati. Una persona affetta da questa patologia può russare, soffocare o ansimare, sperimentare episodi di apnea da parte di un partner nel letto, affaticarsi eccessivamente durante il giorno e svegliarsi con un mal di testa.

Questo disturbo del sonno può essere molto grave e, se non trattato, può esporre l'individuo al rischio di molte patologie gravi. Ad esempio, se non viene trattato, può causare ipertensione, diabete di tipo 2 e malattie cardiovascolari.

 

Sindrome delle gambe senza riposo

La sindrome delle gambe senza riposo è una condizione in cui è presente una sensazione sgradevole che provoca l'impulso a muovere costantemente le gambe. Sebbene rientri tra i disturbi del sonno più comuni, questa condizione è spesso non diagnosticata o diagnosticata in modo errato a causa dei sintomi molto soggettivi e difficili da descrivere e della mancanza di test diagnostici.

La sindrome delle gambe senza riposo è una condizione che dura tutta la vita e che di solito si manifesta in giovane età, ma che spesso non viene diagnosticata se non in età avanzata. I sintomi includono una serie di sensazioni negli arti inferiori, tra il ginocchio e la caviglia, come formicolio, dolore, bruciore e altro. Queste sensazioni provocano un insaziabile bisogno di muovere le gambe, da cui deriva la "sindrome delle gambe senza riposo".

Questa condizione è considerata un disturbo del sonno perché l'irrequietezza riscontrata in queste persone si verifica il più delle volte alla fine della giornata, quando l'individuo cerca di addormentarsi. Ciò causa difficoltà ad addormentarsi e può portare a disturbi del sonno, un motivo importante per cui queste persone di solito si rivolgono a un medico.

 

Disturbo periodico dei movimenti degli arti

Sebbene sia simile alla sindrome delle gambe senza riposo, questo disturbo presenta sintomi distinti e diagnosi e trattamenti diversi. Questa condizione provoca il movimento delle gambe e delle braccia durante il sonno. Questa condizione porta spesso a sonnolenza diurna e può essere spesso causata dalla sindrome delle gambe senza riposo.

 

Disturbi del sonno e salute mentale

Come i disturbi del sonno influenzano la salute mentaleIl sonno e la salute mentale sono spesso interconnessi. Sebbene spesso siano il risultato di condizioni di salute mentale, i disturbi del sonno possono anche causare problemi mentali. È risaputo che una persona che dorme male può essere di cattivo umore il giorno dopo.

Il sonno è spesso collegato alla salute mentale, mostrando una relazione con condizioni come la depressione, l'ansia, il disturbo bipolare e molte altre. Queste condizioni di salute mentale spesso rendono il sonno più difficile, portando a un disturbo del sonno. I disturbi del sonno, come l'insonnia, possono rendere estremamente difficile ottenere un sonno ristoratore, causando le stesse condizioni di salute mentale menzionate in precedenza.

È stato dimostrato che il ciclo del sonno influisce sulla capacità del cervello di elaborare le informazioni emotive. Le diverse attività cerebrali presenti e mostrate durante le varie fasi del sonno hanno un ruolo importante nella salute emotiva di una persona. Senza una quantità sufficiente di queste onde cerebrali e senza trascorrere abbastanza tempo in queste fasi specifiche, le persone possono sviluppare condizioni di salute mentale. Non solo, ma uno stato cronico di privazione del sonno ha spesso mostrato lo sviluppo di psicosi legate al sonno, un altro problema di salute mentale.

 

Disturbi del sonno e malattie neurodegenerative

Molte malattie neurodegenerative sono state comunemente associate a determinati disturbi del sonno. Si può prendere ad esempio il disturbo del comportamento nel sonno REM, frequente nella popolazione anziana e comune nei soggetti affetti da malattia di Parkinson, atrofia dei sistemi multipli, malattia diffusa a corpi di Lewy con demenza, degenerazione corticobasale, atrofia olivopontocerebellare, paralisi sopranucleare progressiva. Lo sviluppo di RBD nelle persone affette da queste condizioni neurologiche può essere attribuito al tema comune della perdita o della modificazione muscolare sperimentata dai pazienti.

 

Diagnosi

Poiché i problemi di fondo causano molte condizioni del sonno, la diagnosi dei disturbi del sonno inizia spesso con la ricerca della causa. Se non c'è una causa di fondo, la diagnosi viene fatta con un esame fisico e una diagnosi basata sui sintomi. In presenza di sintomi, è bene tenere un diario del sonno, annotando tutti i sintomi e tenendo traccia dell'andamento del sonno. Questo aiuta molto a facilitare la diagnosi.

Molti disturbi del sonno richiedono studi del sonno, un processo in cui la persona viene osservata mentre dorme attraverso varie apparecchiature. In questo modo si tiene traccia di eventuali movimenti o rumori insoliti, dell'attività cerebrale e dell'attività respiratoria. Tutto ciò permette di diagnosticare diversi disturbi del sonno come l'insonnia, l'apnea notturna, la paralisi del sonno e altro ancora.

 

Trattamento dei disturbi del sonno

trattamenti per i disturbi del sonnoAnche se alcuni possono essere difficili da trattare, la maggior parte dei disturbi del sonno è facilmente gestibile con gli interventi adeguati. Il primo passo nel trattamento dei problemi del sonno è individuare la causa che li ha generati. Una volta identificata la causa, di solito è possibile trattare il problema sottostante. Ad esempio, chi soffre di un disturbo d'ansia e ha problemi a dormire dovrà innanzitutto essere curato per il disturbo d'ansia.

Il trattamento della causa sottostante non riesce a eliminarla o semplicemente non ha alcun effetto sul disturbo del sonno. Il passo successivo consiste nel trattare il disturbo del sonno utilizzando direttamente vari interventi. I trattamenti più comuni comprendono la terapia cognitivo-comportamentale come trattamento non farmacologico e molti tipi diversi di farmaci per il sonno, come le benzodiazepine, gli agonisti dei recettori della melatonina, gli antidepressivi, gli antipsicotici e molti altri.

Il trattamento è essenziale per le patologie del sonno più gravi, come l'apnea notturna. Queste persone hanno spesso bisogno di una macchina CPAP, che aiuta a convogliare l'aria attraverso un tubo in una maschera che l'individuo indossa durante la notte.

Sono disponibili molti altri trattamenti, tutti molto diversi tra loro in base al disturbo da trattare. Seguendo i trattamenti raccomandati, si può continuare a godere di una buona salute fisica e di un benessere e di una qualità di vita complessivamente positivi senza sviluppare ulteriori conseguenze.

 

Conseguenze di un sonno di scarsa qualità

I disturbi del sonno sono stati studiati a fondo da diversi punti di vista e si è giunti alla conclusione che la privazione del sonno, sia essa dovuta allo stile di vita o a disturbi del sonno, ha molti effetti a breve e lungo termine sulla salute fisica e mentale di una persona. È importante avere un buon programma di sonno, praticare una buona igiene e cercare aiuto se si presentano i sintomi di un disturbo del sonno per evitare complicazioni.

 

Migliorare il sonno

La base per migliorare il sonno inizia con l'avere buone abitudini di sonno che includono:

  • Essere coerenti andando a dormire e svegliandosi ogni giorno alla stessa ora.
  • Assicurarsi che l'ambiente in cui si dorme sia buio e silenzioso.
  • Rimuovere i dispositivi elettronici dalla camera da letto.
  • Evitare l'uso di schermi almeno un'ora prima di andare a letto.
  • Evitare pasti abbondanti, caffeina e alcolici prima di andare a letto e fare attività fisica durante il giorno.

Queste abitudini del sonno sono importanti per migliorare il sonno. L'attuazione di queste abitudini può contribuire a evitare i disturbi del sonno e ad aiutare ad addormentarsi e a dormire a sufficienza. In presenza di sintomi di disturbi del sonno, è importante rivolgersi a uno specialista per evitare di sviluppare co-morbilità e complicazioni e per migliorare la qualità complessiva del sonno.

 

Domande frequenti

Qual è il disturbo del sonno più comune?

Alcuni dei disturbi del sonno più importanti o comuni sono l'insonnia, la narcolessia, la sindrome delle gambe senza riposo (RLS) e l'apnea notturna.

 

Qual è il disturbo del sonno più grave?

L'apnea notturna può essere considerata il disturbo del sonno più grave. Poiché presenta un'interruzione della respirazione regolare o un'ostruzione delle vie aeree durante il sonno, questo disturbo del sonno può causare complicazioni importanti e gravi per la salute; deve essere affrontato da un operatore sanitario non appena si presentano i sintomi.

 

Di quanto sonno ha bisogno un adulto?

La quantità di sonno raccomandata per notte varia in base alla fascia d'età. Per gli adulti di età compresa tra i 18 e i 60 anni, 7 o più ore per notte sembrano essere ottimali. È importante notare che anche la qualità del sonno è importante. Per garantire una salute fisica e generale ottimale, è fondamentale dormire bene ogni notte e svegliarsi riposati e riposati.