10

Emicrania

Ultimo aggiornamento: marzo 19, 2023

Featured Image

Table of Contents

Secondo l'American Migraine Foundation, l'emicrania è il settimo disturbo più invalidante tra tutte le malattie. Si stima che il 10% delle persone nel mondo soffra di emicrania.

 

Che cos'è l'emicrania?

cos'è l'emicraniaL'emicrania è uno dei tanti disturbi della cefalea che può causare un forte dolore pulsante o una sensazione di pulsazione su uno o entrambi i lati della testa. La Società Internazionale delle Cefalee definisce l'emicrania in base al numero di attacchi e alla frequenza del dolore (almeno cinque attacchi di emicrania della durata di 4-72 ore se non trattati).

I sintomi più comuni associati all'emicrania sono vomito, nausea e maggiore sensibilità alla luce e ai suoni. Altri sintomi includono difficoltà di linguaggio, aura, desiderio di cibo o mancanza di appetito. I soggetti che soffrono di emicrania con aura possono avere auree che si presentano come luci lampeggianti prima o dopo l'emicrania. L'emicrania con aura è nota anche come emicrania classica, in cui sono presenti segnali di allarme prima che si manifesti l'emicrania.

L'emicrania più comune è quella senza aura. Alcuni individui avvertono anche un dolore da emicrania al collo, che può essere scambiato per uno spasmo muscolare o artritico, o al viso, che può essere scambiato per una cefalea sinusale. L'emicrania può anche essere associata a sintomi simili a quelli della sinusite, tra cui pressione facciale, lacrimazione e congestione nasale. In alcuni pazienti, l'emicrania può essere grave e di lunga durata e compromettere le attività quotidiane.

 

Fattori di rischio dell'emicrania

I fattori di rischio più comuni per l'emicrania sono l'età, il sesso e l'anamnesi. Sebbene l'emicrania possa manifestarsi in qualsiasi momento della vita, colpisce più spesso persone di età compresa tra i 20 e i 50 anni. L'emicrania può raggiungere il suo apice verso i 30 anni e la sua gravità diminuisce con l'avanzare dell'età. Anche il genere gioca un ruolo importante: le donne hanno il triplo delle probabilità di soffrire di emicrania rispetto agli uomini. I geni contribuiscono alla prevalenza dell'emicrania; un individuo ha maggiori probabilità di soffrire di emicrania se uno o entrambi i genitori ne sono affetti.

 

Cause dell'emicrania

Sebbene le cause esatte dell'emicrania siano sconosciute, fattori ambientali, di stile di vita e genetici potrebbero svolgere un ruolo. Si ritiene che l'emicrania sia dovuta a un'attività cerebrale anomala che influisce temporaneamente su sostanze chimiche, segnali nervosi e vasi sanguigni del cervello. Le ricerche suggeriscono che le cellule nervose iperattive inviano segnali al nervo trigemino, che induce il corpo a rilasciare peptidi legati al gene della calcitonina (C.G.R.P.) e serotonina. Il C.G.R.P. provoca un rigonfiamento dei vasi sanguigni del cervello, con conseguente infiammazione e dolore da emicrania. Il dolore da cefalea su un lato della testa può spostarsi all'altro lato della testa e colpire l'intera testa.

 

Emicrania episodica e cronica

Un'emicrania episodica significa avere un'emicrania per meno di quindici giorni al mese. Un'emicrania che si verifica per tre o più mesi consecutivi o per più di quindici giorni al mese è cronica. L'emicrania episodica può trasformarsi in emicrania cronica a causa di fattori scatenanti come il consumo eccessivo di caffeina o l'uso eccessivo di farmaci, tra cui N.S.A.I.D.S., oppioidi e barbiturici. Il dolore peggiora quando i soggetti sono sensibili alla luce e ai suoni. I sintomi dell'emicrania cronica comprendono la visione doppia, l'eloquio confuso, la perdita di equilibrio e le vertigini.

 

Tipi di emicrania

Il modo in cui l'emicrania si manifesta dipende dal tipo di emicrania che si manifesta. Ad esempio, l'emicrania vestibolare è comune nei soggetti con una storia clinica di cinetosi. I sintomi comuni dell'emicrania vestibolare comprendono nausea e vomito con o senza mal di testa.

Un tipo comune di emicrania che colpisce i bambini è l'emicrania addominale, che causa nausea e vomito. L'emicrania addominale è caratterizzata da dolore allo stomaco e perdita di appetito nei bambini. Con il tempo può evolvere in una classica emicrania. L'emicrania retinica è un altro tipo di emicrania che si verifica a causa della costrizione dei vasi sanguigni nell'occhio, che provoca una riduzione del flusso sanguigno all'occhio. L'emicrania oculare o retinica comporta ripetuti attacchi di cecità temporanea o parziale o di diminuzione della vista in un occhio.

 

Fasi dell'emicrania

fasi dell'emicraniaFase prodromica

Gli attacchi di emicrania non si limitano al solo periodo in cui si manifesta il mal di testa. Per la maggior parte degli individui, gli attacchi si verificano in tre fasi. Circa il 60% delle persone avverte i sintomi della fase prodromica all'inizio di un attacco di emicrania. Questi segni sottili includono cambiamenti di umore, inappetenza, desiderio di cibo, costipazione, diarrea, aumento della minzione e sbadigli frequenti. Tuttavia, alcuni individui non riconoscono questi segnali come indicatori di un attacco di emicrania.

 

Fase dell'aura

Un terzo dei soggetti affetti da emicrania può manifestare un'aura prima o durante un attacco di emicrania. L'aura si riferisce a disturbi visivi e sintomi neurologici reversibili e temporanei che derivano dal sistema nervoso centrale. I sintomi di solito iniziano gradualmente, nell'arco di 5-20 minuti, e durano meno di un'ora. L'emicrania con aura può manifestarsi con lampi di luce, punti neri, linee ondulate, allucinazioni o visione a tunnel. Alcuni individui possono sperimentare una perdita completa della vista, intorpidimento o formicolio su un lato del corpo.

L'emicrania senza aura è il tipo più comune di emicrania, che si manifesta senza alcun segnale di allarme. Un altro tipo è l'aura emicranica senza mal di testa, nota anche come emicrania silente, in cui l'aura e i sintomi dell'emicrania si manifestano senza che l'emicrania si manifesti. L'emicrania silenziosa, nota anche come emicrania acefala, può produrre sintomi debilitanti con disturbi visivi, perdita della vista, alterazioni della percezione dei colori e sensibilità alla luce, ai suoni e agli odori.

Durante la fase di attacco, l'emicrania inizia come un dolore sordo e cresce fino a diventare pulsante o pulsante, che si manifesta su un lato della testa. Circa l'80% dei soggetti manifesta nausea e vomito insieme all'emicrania. I soggetti possono anche essere pallidi, sudati o storditi. La maggior parte delle emicranie dura circa quattro ore, ma le emicranie gravi possono durare più di tre giorni.

 

Fase dell'emicrania

Durante la fase di cefalea, il dolore può spostarsi da un lato all'altro della testa, arrivando a colpire anche la parte anteriore del capo. Può anche avere l'impressione di colpire l'intera testa. I sintomi tipici di questa fase includono sensibilità alla luce e ai rumori, nausea e vomito.

 

Fase postdromica

Infine, dopo l'emicrania, la fase postdromica può durare fino a un giorno, con sintomi quali affaticamento, dolori corporei, dolori muscolari, vertigini, difficoltà di concentrazione e sensibilità alla luce e ai suoni.

 

Differenze tra emicrania infantile e adulta

Secondo l'American Migraine Foundation, esistono alcune differenze fondamentali nel modo in cui i bambini vivono gli attacchi di emicrania. Alcune differenze includono attacchi di emicrania meno frequenti e un dolore più bilaterale rispetto agli attacchi di emicrania unilaterali e di durata più breve. Il dolore bilaterale si manifesta su tutta la fronte, a differenza di quello unilaterale su un solo lato della testa.

 

Fattori scatenanti comuni dell'emicrania

Gli elementi endogeni o esogeni che aumentano la probabilità di un attacco di emicrania in breve tempo sono noti come fattori scatenanti dell'emicrania. Alcuni fattori scatenanti sono lo stress e gli alimenti e le bevande, come gli additivi alimentari, i formaggi stagionati, l'alcol e il glutammato monosodico. Anche i cambiamenti ormonali sono fattori scatenanti comuni per le donne. Molte donne notano che gli attacchi di emicrania si verificano a causa delle fluttuazioni dei livelli di estrogeni durante la gravidanza o il ciclo menopausale o mestruale. L'emicrania che si manifesta tre giorni dopo il ciclo mestruale o due giorni prima dell'inizio delle mestruazioni è detta emicrania mestruale.

I sintomi possono includere emicrania senza aura, dolore pulsante su un lato della testa, nausea, vomito e maggiore sensibilità alla luce. L'emicrania mestruale deriva da un calo dei livelli di estrogeni e può essere scatenata dallo stress, dalla caffeina o dal saltare i pasti. Anche i farmaci ormonali e anticoncezionali, come i contraccettivi, possono peggiorare l'emicrania.

Altri fattori scatenanti dell'emicrania sono il saltare i pasti, il consumo di caffeina, la disidratazione e i cambiamenti improvvisi del tempo o degli stimoli sensoriali. Alcuni cambiamenti climatici associati all'emicrania sono l'elevata umidità, il caldo eccessivo, le tempeste, le variazioni della pressione barometrica e i temporali.

Sebbene i cambiamenti climatici non possano essere controllati, gli individui devono fare ciò che è favorevole alla loro emicrania. Inoltre, odori forti come fumo, profumi e diluenti per vernici scatenano l'emicrania in alcuni individui. Identificare e comprendere i fattori scatenanti di un individuo è fondamentale per prevenire l'emicrania.

Non tutti i fattori scatenanti comuni sono presenti in tutti gli individui, e le persone affette da emicrania sperimentano i fattori scatenanti in modo diverso. Individuare i fattori scatenanti può essere più complesso e richiede un'attenta considerazione. È importante che le persone affette da emicrania identifichino e comprendano i propri fattori scatenanti.

 

Come viene diagnosticata l'emicrania?

come viene diagnosticata l'emicraniaNon esistono esami standard per diagnosticare l'emicrania. Tuttavia, alcuni modi in cui il medico può diagnosticare l'emicrania includono l'utilizzo dei sintomi descritti da un individuo, oppure il medico può chiedere all'individuo la sua storia familiare. Inoltre, il medico può eseguire esami fisici per determinare la causa del mal di testa. Il medico può anche ordinare esami di imaging cerebrale, come la TAC e la risonanza magnetica del cervello, o esami del sangue. Può anche chiedere alle persone di tenere un diario sull'emicrania e di identificare i fattori che possono scatenare le emicranie.

 

Trattamenti per l'emicrania

Il trattamento comune dell'emicrania è costituito da farmaci preventivi volti a ridurre la gravità e la frequenza degli attacchi di emicrania. I medici utilizzano vari tipi di farmaci per prevenire l'emicrania. Il trattamento preventivo comprende i farmaci per la pressione sanguigna, inizialmente sviluppati per l'ipertensione. Questi farmaci preventivi comprendono i bloccanti dei recettori dell'angiotensina, i beta-bloccanti, i bloccanti dei canali del calcio, gli antidepressivi come gli antidepressivi triciclici, i farmaci anti-serotonina-norepinefrina, gli antisepressivi e gli acidi valproici.

Gli operatori sanitari raccomandano ai soggetti affetti da emicrania di assumere uno o più farmaci preventivi per 2-3 mesi per valutarne l'efficacia, a meno che non si verifichino effetti avversi. I farmaci preventivi o abortivi si concentrano sull'alleviare il dolore della cefalea e impedire che il dolore diventi grave.

Farmaci più recenti e costosi per l'emicrania includono anticorpi contro il peptide legato al gene della calcitonina o i suoi recettori e antagonisti. Gli inibitori del C.G.R.P. bloccano un peptide legato al gene che aumenta durante un attacco di emicrania e possono aiutare a prevenire l'emicrania. Il trattamento preventivo dell'emicrania cronica comprende il topiramato e la tossina botulinica di tipo A. Altri dispositivi medici che possono aiutare a trattare l'emicrania sono la stimolazione non invasiva del nervo vago, lo stimolatore esterno del nervo trigemino e la stimolazione magnetica transcranica.

La gestione delle emicranie frequenti può prevedere trattamenti fisici come il massaggio, la digitopressione, l'agopuntura, la chiropratica e la terapia craniosacrale, che aiutano ad alleviare i sintomi del mal di testa. Tuttavia, è fondamentale consultare il medico prima di provare trattamenti alternativi. Per determinare il trattamento da scegliere, è fondamentale che l'individuo descriva i sintomi della cefalea, compresa la gravità e la frequenza dei sintomi.

Per le donne i cui sintomi di emicrania sembrano essere associati al ciclo mestruale e che soffrono di emicrania legata al ciclo mestruale, la terapia ormonale può aiutare a risolvere gli altri sintomi.

 

Complicazioni da antidolorifici

Chi assume troppo spesso farmaci antidolorifici può andare incontro a una grave cefalea da uso eccessivo di farmaci. Il rischio di cefalea da uso eccessivo di farmaci è massimo se un individuo assume una combinazione di caffeina, acetaminofene e aspirina. Anche l'assunzione di ibuprofene o aspirina per più di 14 giorni e di triptani per più di nove giorni al mese può scatenare la cefalea da uso eccessivo di farmaci. La cefalea da uso eccessivo di farmaci si verifica quando il farmaco non è più efficace per alleviare il dolore dell'emicrania e provoca mal di testa. Il ciclo continua con l'uso di altri farmaci.

Alcuni farmaci per l'emicrania possono anche restringere i vasi sanguigni; pertanto, i soggetti a rischio di malattie cardiache o attacchi di cuore devono consultare un operatore sanitario prima dell'uso. In alternativa, le donne in gravidanza e i pazienti con altre condizioni di comorbidità devono consultare il proprio operatore sanitario prima dell'uso e valutare gli effetti avversi.

 

Come prevenire l'emicrania?

come prevenire l'emicraniaLa prevenzione dell'emicrania prevede l'utilizzo del metodo naturale S.E.E.D.S.. Un individuo può prevenire l'emicrania utilizzando le cinque efficaci fasi del metodo S.E.E.D.S., che sta per igiene del sonno, pasti regolari e sani, esercizio fisico regolare, tenuta di un diario dell'emicrania e gestione dello stress.

Dormire

La mancanza di sonno o il sonno irregolare possono scatenare emicranie o attacchi di emicrania. Secondo l'American Migraine Foundation, i soggetti affetti da emicrania hanno una probabilità fino a 8 volte maggiore di avere problemi di sonno rispetto agli altri. Alcuni modi per migliorare l'igiene del sonno sono: seguire una routine di sonno standard e regolare, mantenere la stanza fresca e buia, evitare l'uso di dispositivi elettronici in camera da letto e praticare tecniche di rilassamento prima di andare a letto.

 

Pasti regolari

Mangiare regolarmente e in modo sano può fare una grande differenza, soprattutto per i soggetti che soffrono di attacchi di fame. Un'alimentazione relativamente ricca di proteine e povera di carboidrati è generalmente preferibile per chi soffre di emicrania, per evitare fluttuazioni della glicemia. La sfida principale consiste nel valutare se determinati alimenti sono fattori scatenanti dell'emicrania o del mal di testa, in quanto ciò può variare notevolmente da un individuo all'altro.

Pertanto, è fondamentale riconoscere quale dieta o quali alimenti scatenano il dolore da cefalea. Tuttavia, alcune strategie comuni che possono essere adottate includono l'assunzione di pasti almeno tre volte al giorno, l'interruzione o la limitazione dell'assunzione di caffeina e il mantenimento dell'idratazione bevendo 7-8 bicchieri d'acqua al giorno.

 

Esercizio

Un esercizio fisico moderato e regolare può essere efficace per prevenire l'emicrania. Bisogna fare attenzione, perché l'esercizio fisico e l'attività fisica intensa possono aggravare un attacco. Tra i benefici dell'esercizio fisico vi sono il miglioramento della salute generale e del sonno. Gli esercizi raccomandati per i soggetti affetti da emicrania comprendono un regolare esercizio aerobico per almeno 30 minuti 3 volte alla settimana e circa 30 minuti di cardiofitness alcune volte alla settimana.

Scegliere un esercizio e un'attività a scelta; iniziare a fissare lentamente degli obiettivi per la durata e la frequenza dell'esercizio e aumentare gradualmente la frequenza e la durata dell'esercizio. Questo processo graduale aiuta l'individuo ad astenersi dall'esercizio fisico intenso che può scatenare l'emicrania.

 

Diario dell'emicrania

Tenere un diario dell'emicrania è uno strumento utile per gestire i fattori scatenanti, la diagnosi, l'efficacia dei farmaci e l'efficacia del trattamento in corso, consentendo all'individuo di comprendere meglio il disturbo. Oltre al diario, ad esempio, si possono utilizzare diverse applicazioni per tenere traccia della propria emicrania/cefalea.

Tra i vantaggi di un diario vi è quello di aiutare il medico a diagnosticare l'emicrania, di mostrare lo schema dell'attacco, di aiutare le persone a riconoscere i segnali di allarme e i fattori scatenanti e di valutare la terapia acuta o preventiva. Mantenete sempre un diario semplice e registrate le informazioni di base, che potrebbero essere utili per gestire e prevenire l'emicrania.

 

Gestione dello stress

Lo stress può intensificare i sintomi dell'emicrania. Pertanto, la gestione dello stress deve essere essenziale nei piani naturali di prevenzione e controllo dell'emicrania. Stabilite una routine quotidiana che preveda momenti di relax. I periodi di relax dovrebbero consistere in strategie di rilassamento. Alcune di queste includono respirare lentamente e profondamente, ascoltare suoni e luci rilassanti o concentrarsi su un'immagine o una scena rilassante.

Altre strategie consigliate per gestire lo stress sono la terapia cognitivo-comportamentale, il biofeedback, le tecniche di respirazione, la gratitudine, la meditazione guidata e la mindfulness e i mantra positivi.

 

Prognosi dell'emicrania

In alcuni individui, l'emicrania è un fattore di rischio per l'ictus. Tra i soggetti a maggior rischio di ictus vi sono le persone che fumano, le donne che soffrono di emicrania con aura o che assumono la pillola anticoncezionale e i soggetti che mangiano cibi poco sani che causano pressione o colesterolo elevati.

 

Aiuto professionale

Chiamate il 911 o recatevi al pronto soccorso quando un individuo avverte il peggior mal di testa della sua vita, sintomi neurologici che non si erano mai verificati prima, come problemi di equilibrio, di vista o di parola, formicolii, paralisi, debolezza, convulsioni, o se il mal di testa si verifica dopo un trauma cranico o arriva all'improvviso. Per saperne di più sull'emicrania, consultate le risorse della National Headache Foundation, dell'American Headache Society e della Migraine Research Foundation.

 

RISORSE PER LA SALUTE FISICA DI ANAHANA

 

WIKI SULLA SALUTE FISICA

Risposta di lotta o fuga

Igiene del sonno

Meditazione guidata per il sonno

Neuroplasticità

Emicrania

 

BLOG SULLA SALUTE FISICA

Che cos'è il sistema nervoso

Che cos'è il sistema nervoso centrale

Che cos'è il nervo vago

Cos'è il sistema nervoso periferico

Che cos'è il sistema nervoso somatico

Che cos'è il sistema nervoso autonomo

Che cos'è la stenosi spinale

Cos'è il Sistema Nervoso Simpatico

Cosa sono gli spasmi della schiena

Che cos'è la diverticolite

Benefici della doccia fredda

Che cos'è la fisioterapia

Che cos'è il sistema circolatorio

Spondilosi vs Spondilolisi

Cosa sono gli ormoni

Che cos'è la scoliosi

Che cos'è il sistema endocrino

Che cos'è l'artrite reumatoide

Cos'è la fascite plantare

Che cos'è la sciatica

Che cos'è la fibromialgia

Che cos'è l'osteoporosi

 

Risorse

Che cos'è l'emicrania? | Mal di testa | JAMA

https://www.ingentaconnect.com/content/wk/wco/2022/00000035/00000003/art00016

Emicrania: Sintomi, cause, diagnosi, trattamento e prevenzione

Emicrania: Sintomi, cause, trattamento, fattori scatenanti e altro ancora

Scienza dello sport

9 lecture des minutes

Scienza dello sport

La scienza dello sport è la fusione dei principi scientifici con l'allenamento e le prestazioni sportive. L'applicazione del metodo scientifico alle...

Sindrome della croce superiore

12 lecture des minutes

Sindrome della croce superiore

La sindrome dell'incrocio superiore è un disturbo muscoloscheletrico causato da squilibri muscolari nella parte superiore del corpo. La sindrome...

Sistema immunitario

17 lecture des minutes

Sistema immunitario

Il sistema immunitario si difende dalle infezioni riconoscendo ed eliminando le sostanze estranee. Alcuni disturbi possono causare risposte...

Crioterapia

11 lecture des minutes

Crioterapia

La crioterapia è un trattamento che può aiutare a combattere lo stress, l'ansia, il dolore e la riabilitazione delle lesioni. La crioterapia viene...

Apparato respiratorio

12 lecture des minutes

Apparato respiratorio

L'apparato respiratorio è uno dei sistemi più vitali del corpo umano, responsabile di fornire ossigeno all'organismo e di eliminare l'anidride...

Ormoni dello stress

12 lecture des minutes

Ormoni dello stress

Gli ormoni dello stress vengono rilasciati in risposta allo stress ambientale. Lo stress cronico porta a una sovrapproduzione di ormoni dello stress,...