8

Cortisolo

Ultimo aggiornamento: dicembre 5, 2023

Featured Image

Table of Contents

Il cortisolo è un ormone steroideo prodotto dalle ghiandole surrenali in risposta allo stress. Svolge un ruolo fondamentale nel sistema di risposta allo stress dell'organismo, regolando il metabolismo, i livelli di zucchero nel sangue, la funzione immunitaria e quella cardiovascolare.

Il cortisolo spiegato

Il cortisolo, o ormone dello stress, è un ormone steroideo essenziale della classe degli ormoni glucocorticoidi che influisce su quasi tutti gli organi del corpo.

Questo ormone vitale regola la risposta allo stress, il metabolismo, la funzione immunitaria, la regolazione cardiovascolare e la modulazione del sistema nervoso centrale.

Il suo ruolo intricato nella fisiologia del corpo sottolinea l'importanza di mantenere un sano equilibrio dei livelli di cortisolo per una salute e un benessere ottimali.

Produzione e regolazione del cortisolo

La produzione e la regolazione del cortisolo spiegate

Produzione nelle ghiandole surrenali

Il cortisolo è prodotto e secreto principalmente dallo strato esterno della corteccia surrenale, noto come zona fascicolata.

La zona fascicolata è la regione più estesa delle ghiandole surrenali, che sono piccole ghiandole di forma triangolare situate sopra i reni.

La produzione di cortisolo segue un ritmo diurno, con livelli massimi al mattino e gradualmente decrescenti nel corso della giornata.

Biosintesi e metabolismo

Il processo di biosintesi del cortisolo coinvolge diverse reazioni enzimatiche ed è regolato da una complessa cascata di molecole di segnalazione.

La produzione di cortisolo inizia con l'assorbimento del colesterolo nelle cellule della corteccia surrenale. Il colesterolo è la molecola precursore della sintesi del cortisolo. Viene ottenuto dalle lipoproteine circolanti o sintetizzato all'interno della ghiandola surrenale stessa.

Una volta all'interno delle cellule della corteccia surrenale, il colesterolo subisce una serie di conversioni enzimatiche. La fase limitante della sintesi del cortisolo è la conversione del colesterolo in pregnenolone, catalizzata dall'enzima di scissione della catena laterale del colesterolo, noto anche come P450scc.

Il pregnenolone subisce poi una serie di reazioni enzimatiche nel reticolo endoplasmatico delle cellule della corteccia surrenale per formare il cortisolo.

Queste reazioni coinvolgono l'azione di diversi enzimi, tra cui la 3β-idrossisteroide deidrogenasi (3β-HSD), la 17α-idrossilasi, la 21-idrossilasi, la 11β-idrossilasi e la 17β-idrossisteroide deidrogenasi (17β-HSD).

Regolazione da parte dell'asse ipotalamo-ipofisi-surrene (HPA)

La produzione di cortisolo è regolata dall'asse ipotalamo-ipofisi-surrene (HPA).

L'ipotalamo rilascia l'ormone di rilascio della corticotropina (CRH), che stimola l'ipofisi anteriore a secernere l'ormone adrenocorticotropo (ACTH).

L'ACTH si lega quindi a recettori specifici sulle cellule della corteccia surrenale, attivando vie di segnalazione che aumentano la produzione e il rilascio di cortisolo.

Meccanismi di feedback

La regolazione della produzione di cortisolo comporta anche un meccanismo di feedback. Il cortisolo inibisce la secrezione di CRH dall'ipotalamo agendo direttamente sui neuroni che rilasciano CRH. Riduce la sintesi e il rilascio di CRH, con conseguente diminuzione della sua disponibilità per la stimolazione dell'ipofisi.

A livello dell'ipofisi, il cortisolo sopprime la secrezione di ACTH attraverso un feedback negativo.

Il cortisolo si lega a recettori specifici sulle cellule corticotrofe dell'ipofisi anteriore, inibendo la sintesi e il rilascio di ACTH. Ciò riduce la stimolazione delle ghiandole surrenali, con conseguente diminuzione della produzione di cortisolo.

Il sistema di feedback negativo è finemente regolato per mantenere i livelli di cortisolo entro un intervallo ristretto.

Quando i livelli di cortisolo scendono al di sotto del range normale, la riduzione del feedback negativo consente un aumento del rilascio di CRH e ACTH. Questo stimola le ghiandole surrenali a produrre e rilasciare più cortisolo, riportando i livelli di cortisolo all'intervallo ottimale.

Effetti del cortisolo sull'organismo

La risposta allo stress e la reazione "combatti o fuggi".

La risposta allo stress, o reazione di "lotta o fuga", è un meccanismo di sopravvivenza fondamentale che aiuta gli individui a rispondere alle minacce o alle sfide percepite.

Il cortisolo svolge un ruolo centrale nell'orchestrare questa risposta fisiologica che avviene in diverse fasi:

  1. Stimoli stressanti: quando il cervello percepisce una situazione stressante, l'ipotalamo, una regione del cervello, rilascia il CRH.
  2. Stimolo alla secrezione: Il CRH stimola l'ipofisi a secernere ACTH.
  3. Leghiandole surrenali rilasciano cortisolo: L'ACTH, a sua volta, innesca le ghiandole surrenali, in particolare la corteccia surrenale, a rilasciare cortisolo nel sangue.
  4. Ormoni: Il cortisolo e altri ormoni dello stress come l'adrenalina e la noradrenalina preparano l'organismo all'azione.
  5. Aumento del flusso sanguigno: Aumenta la frequenza cardiaca e la pressione sanguigna, migliora l'afflusso di sangue ai muscoli e al cervello e distoglie l'energia da funzioni non essenziali come la digestione e la riproduzione.
  6. Cambiamenti fisiologici necessari: Questi cambiamenti fisiologici aiutano gli individui a fronteggiare la minaccia o a fuggire.

Metabolismo e regolazione della glicemia

Il cortisolo svolge un ruolo fondamentale nella regolazione del metabolismo e dei livelli di zucchero nel sangue.

  • Scompone i nutrienti: Mobilita le riserve di energia durante lo stress aumentando la scomposizione di proteine, grassi e carboidrati.
  • Produce glucosio: Il cortisolo stimola la gluconeogenesi, sintetizzando il glucosio da fonti non glucidiche, come gli aminoacidi e il glicerolo. Questo porta a un aumento dei livelli di zucchero nel sangue, garantendo un adeguato apporto energetico per soddisfare le richieste dell'organismo durante le situazioni di stress.
  • Regola l'insulina: Il cortisolo inibisce l'attività dell'insulina, riducendo l'assorbimento del glucosio da parte dei tessuti periferici.

Questi effetti metabolici del cortisolo aiutano a fornire all'organismo il carburante necessario per affrontare lo stress, ma possono contribuire all'insulino-resistenza e agli squilibri metabolici quando i livelli di cortisolo sono cronicamente elevati.

Modulazione del sistema immunitario

Il cortisolo esercita potenti effetti immunosoppressivi e antinfiammatori. Inibisce la produzione di citochine pro-infiammatorie, come l'interleuchina-1 (IL-1) e il fattore di necrosi tumorale-alfa (TNF-alfa), e riduce l'attività delle cellule immunitarie, compresi linfociti e macrofagi.

Se da un lato queste azioni aiutano a prevenire infiammazioni e risposte immunitarie eccessive, dall'altro l'innalzamento prolungato dei livelli di cortisolo può compromettere la funzione immunitaria.

Lo stress cronico e gli alti livelli di cortisolo possono portare a una disregolazione del sistema immunitario, rendendo gli individui più suscettibili alle infezioni, compromettendo la guarigione delle ferite e contribuendo ai disturbi autoimmuni.

Effetti cardiovascolari

Il cortisolo influenza la funzione cardiovascolare attraverso vari meccanismi. Aumenta la pressione sanguigna promuovendo la vasocostrizione, cioè il restringimento dei vasi sanguigni.

Il cortisolo aumenta anche la reattività dei vasi sanguigni ad altre sostanze vasocostrittrici, come l'adrenalina e l'angiotensina II. Anche il sistema renina-angiotensina-aldosterone, che regola il volume e la pressione del sangue, viene influenzato.

L'innalzamento cronico dei livelli di cortisolo può contribuire all'ipertensione, all'aterosclerosi e all'aumento del rischio di malattie cardiovascolari.

Inoltre, il cortisolo influenza la distribuzione del grasso corporeo, favorendo il deposito di grasso nella regione addominale, che è associato a un aumento del rischio di problemi cardiovascolari.

Effetti sul sistema nervoso centrale

Il cortisolo influisce in modo significativo sul sistema nervoso centrale, influenzando l'umore, la cognizione e il ciclo sonno-veglia. Livelli elevati di cortisolo possono contribuire all'ansia, all'irritabilità e persino alla depressione.

I recettori del cortisolo, comprese le regioni di regolazione delle emozioni e delle funzioni cognitive, sono ampiamente distribuiti nel cervello.

L'esposizione prolungata a livelli elevati di cortisolo può portare a una compromissione della memoria, a una diminuzione dell'attenzione e a difficoltà nell'apprendimento e nel processo decisionale. Il cortisolo svolge anche un ruolo nella regolazione del ciclo sonno-veglia.

Livelli elevati di cortisolo al mattino favoriscono la veglia e la vigilanza, mentre livelli più bassi di notte contribuiscono all'avvio e al mantenimento del sonno.

Le alterazioni dell'assetto del cortisolo, come in condizioni quali l'insonnia o alcuni disturbi del sonno, possono influire negativamente sulla qualità del sonno e sul funzionamento neurologico generale.

Cortisolo e stress

Effetti dello stress cronico sui livelli di cortisolo

Lo stress cronico, caratterizzato da un'esposizione prolungata e ripetuta a fattori di stress, può portare a una disregolazione dell'asse HPA. In caso di stress cronico, i livelli di cortisolo possono diventare cronicamente elevati.

Questo può avere effetti dannosi su vari sistemi dell'organismo. L'esposizione prolungata a livelli elevati di cortisolo può portare a:

  • Interruzioni della funzione immunitaria
  • Squilibri metabolici
  • Disturbi cognitivi
  • Disturbi dell'umore
  • Aumento della suscettibilità alle malattie.

Acuto vs. Cronico Risposte allo stress cronico

La risposta dell'organismo allo stress acuto, come una minaccia improvvisa o una situazione impegnativa a breve termine, è caratterizzata da un aumento temporaneo dei livelli di cortisolo. Questa risposta adattativa allo stress acuto aiuta gli individui a far fronte al fattore di stress immediato. Una volta che la minaccia si attenua, i livelli di cortisolo tornano alla normalità.

Al contrario, lo stress cronico, che comporta un'esposizione prolungata a fattori di stress senza sufficienti periodi di recupero, può provocare un innalzamento prolungato dei livelli di cortisolo.

Questo innalzamento cronico può disturbare il normale funzionamento dell'asse HPA e portare a varie conseguenze fisiologiche e psicologiche.

Gli effetti dello stress cronico sui livelli di cortisolo possono contribuire allo sviluppo di disturbi legati allo stress e avere un impatto duraturo sulla salute.

La comprensione della relazione tra cortisolo e stress, degli effetti dello stress cronico sui livelli di cortisolo e del ruolo del CRH e dell'ACTH nella regolazione del cortisolo fornisce indicazioni sulla complessa interazione tra lo stress e le risposte fisiologiche dell'organismo.

Gestire lo stress in modo efficace e attuare strategie di riduzione dello stress può aiutare a mantenere un sano equilibrio nei livelli di cortisolo e a promuovere il benessere generale.

Disturbi della produzione di cortisolo

Morbo di Addison

L'insufficienza surrenalica, nota anche come morbo di Addison, è un disturbo caratterizzato da una produzione insufficiente di cortisolo e spesso di aldosterone da parte delle ghiandole surrenali. Questa condizione può essere primaria o secondaria.

L'insufficienza surrenalica primaria si verifica quando le ghiandole surrenali sono danneggiate o distrutte, spesso a causa di una reazione autoimmune.

L'insufficienza surrenalica secondaria si verifica quando c'è una disfunzione dell'ipofisi o dell'ipotalamo, con conseguente riduzione della produzione di ACTH.

I sintomi dell'insufficienza surrenalica possono variare, ma in genere includono affaticamento, perdita di peso, debolezza muscolare, pressione bassa, desiderio di sale e scurimento della pelle.

I soggetti con insufficienza surrenalica sono a rischio di crisi surrenalica, una condizione pericolosa per la vita caratterizzata da sintomi gravi, come dolore addominale, vomito, disidratazione, abbassamento della glicemia e confusione.

Il trattamento dell'insufficienza surrenalica prevede in genere una terapia ormonale sostitutiva con cortisolo e talvolta aldosterone per ripristinare i normali livelli ormonali e gestire i sintomi.

Sindrome di Cushing

La sindrome di Cushing è caratterizzata da un eccesso di cortisolo nell'organismo. Diversi fattori, tra cui l'uso prolungato di farmaci corticosteroidi o squilibri ormonali, possono causarla.

La causa più comune è rappresentata dai farmaci corticosteroidi, spesso prescritti per gestire l'asma, l'artrite reumatoide e i disturbi autoimmuni.

Tuttavia, la sindrome di Cushing può verificarsi anche a causa di ghiandole surrenali iperattive o di un tumore ipofisario che produce un eccesso di ACTH.

I sintomi della sindrome di Cushing possono includere aumento di peso, in particolare sul viso e sull'addome, debolezza muscolare, assottigliamento della pelle, facilità di formazione di lividi, pressione alta e maggiore predisposizione alle infezioni.

Le opzioni di trattamento per la sindrome di Cushing dipendono dalla causa sottostante e possono includere l'intervento chirurgico per rimuovere i tumori, l'aggiustamento dei farmaci o altri interventi per normalizzare i livelli di cortisolo.

Tumori ipofisari e produzione di ACTH

I tumori ipofisari possono interrompere la normale regolazione della produzione di cortisolo influenzando la produzione e il rilascio di ACTH.

Ne conseguono i sintomi e le complicazioni associate alla sindrome di Cushing. D'altra parte, i tumori dell'ipofisi che influenzano la normale produzione di ACTH possono causare una diminuzione dei livelli di ACTH e, di conseguenza, un'insufficienza surrenalica, con conseguente diminuzione della produzione di cortisolo.

La diagnosi e la gestione dei tumori ipofisari che coinvolgono la regolazione del cortisolo comportano in genere una combinazione di studi di imaging, misurazioni dei livelli ormonali e altri esami specialistici.

Le opzioni di trattamento dipendono dal tipo e dalle dimensioni specifiche del tumore e possono includere la chirurgia, la radioterapia, i farmaci o una combinazione di questi approcci.

Misurazione dei livelli di cortisolo

I livelli di cortisolo nell'organismo possono essere valutati attraverso esami delle urine e del sangue.

  • Esami delle urine: Gli esami delle urine per il cortisolo prevedono la raccolta di un campione di urine delle 24 ore, che viene poi analizzato per misurare la quantità totale di cortisolo escreto. Questo test valuta la produzione di cortisolo su un periodo più lungo, aiutando a valutare la produzione complessiva di cortisolo.
  • Esami del sangue: questi esami sono un altro metodo per misurare i livelli di cortisolo. La misurazione del livello mattutino di cortisolo prevede il prelievo di un campione di sangue quando i livelli di cortisolo sono in genere massimi. Questo esame può aiutare a diagnosticare condizioni come la sindrome di Cushing o l'insufficienza surrenalica.
  • Test di soppressione: Il test di soppressione del desametasone è un altro esame del sangue che valuta la risposta dell'organismo al corticosteroide sintetico desametasone. Aiuta a differenziare le cause di disregolazione del cortisolo.

Gli esami delle urine e del sangue per il cortisolo sono strumenti preziosi per diagnosticare e monitorare i disturbi della produzione e della regolazione del cortisolo.

Forniscono importanti informazioni sui livelli di cortisolo, aiutando gli operatori sanitari a determinare approcci terapeutici appropriati e a valutare l'efficacia degli interventi.

Domande frequenti sul cortisolo

Quali sono gli effetti dello stress cronico sui livelli di cortisolo?

Lo stress cronico può portare a livelli elevati di cortisolo nell'organismo.

Quando l'organismo percepisce una minaccia o vive situazioni di stress prolungato, l'ipotalamo nel cervello rilascia l'ormone di rilascio della corticotropina (CRH), che stimola l'ipofisi a rilasciare l'ormone adrenocorticotropo (ACTH).

L'ACTH, a sua volta, stimola le ghiandole surrenali a rilasciare cortisolo. In caso di stress cronico, questo processo può diventare disregolato, con conseguenti livelli cronicamente elevati di cortisolo, che possono avere effetti dannosi su vari sistemi di organi del corpo.

Quali sono i disturbi comuni associati alla produzione di cortisolo?

I disturbi associati alla produzione di cortisolo comprendono:

  • Insufficienza surrenalica
  • Sindrome di Cushing,
  • Tumori ipofisari che influenzano la produzione di ACTH.

Nell'insufficienza surrenalica la produzione di cortisolo è insufficiente, mentre nella sindrome di Cushing è eccessiva. I tumori ipofisari possono aumentare o diminuire la produzione di ACTH, con conseguenti livelli anomali di cortisolo.

Riferimenti

Fisiologia, Cortisolo - StatPearls

Cortisolo - ScienceDirect

Stress e asse HPA - PMC

Effetti del cortisolo su massa corporea, pressione sanguigna e colesterolo nella popolazione generale - AHA

Malattia di Cushing/Sindrome di Cushing - OHSU

Stress cronico, disfunzione del cortisolo e dolore: un razionale psiconeuroendocrino per la gestione dello stress nella riabilitazione del dolore - PMC

Morbo di Addison - Mayo Clinic

Dichiarazione di non responsabilità

I contenuti di questo articolo sono forniti solo a scopo informativo e non intendono sostituire una consulenza medica, una diagnosi o un trattamento professionale. Si raccomanda sempre di consultare un operatore sanitario qualificato prima di effettuare qualsiasi cambiamento relativo alla salute o in caso di domande o dubbi sulla propria salute. Anahana non è responsabile di eventuali errori, omissioni o conseguenze derivanti dall'uso delle informazioni fornite.

Ormoni

19 lecture des minutes

Ormoni

Gli ormoni sono messaggeri chimici prodotti da ghiandole e tessuti dell'organismo che regolano e coordinano i processi fisiologici, tra cui la...

Deprivazione del sonno

8 lecture des minutes

Deprivazione del sonno

La privazione del sonno si verifica quando un individuo non dorme a sufficienza per il corretto funzionamento del corpo umano. Senza un sonno...

Inerzia del sonno

10 lecture des minutes

Inerzia del sonno

Addormentarsi costantemente dopo il suono della sveglia, avere difficoltà ad alzarsi dal letto e rimanere svegli a lungo? Si tratta di inerzia del...

Insonnia

12 lecture des minutes

Insonnia

L'insonnia o la privazione del sonno possono essere incredibilmente impegnative e provocare difficoltà di concentrazione, alterazioni della memoria e...

Ciclo del sonno

9 lecture des minutes

Ciclo del sonno

Il ciclo del sonno è un processo che si ripete ogni notte. Il ciclo completo dura circa 90 minuti e una notte di sonno completa ha normalmente...

Il sonno

13 lecture des minutes

Il sonno

Approfondite la scienza, le funzioni e le fasi del sonno, esplorate i disturbi del sonno e il loro impatto e imparate il ruolo essenziale del sonno...