10

Alzheimer

Ultimo aggiornamento: dicembre 6, 2023

Featured Image

Table of Contents

Capire l'Alzheimer: Approfondisci le cause, i sintomi e i potenziali trattamenti di questa complessa e impegnativa malattia neurodegenerativa.

L'Alzheimer spiegato

La malattia di Alzheimer è una condizione neurologica progressiva e cronica che causa il deterioramento delle cellule cerebrali, con conseguente restringimento del cervello e morte delle cellule nervose.

Questa degenerazione colpisce principalmente le regioni del cervello responsabili della memoria e del pensiero, provocando danni cognitivi irreversibili e gravi.

I sintomi della malattia di Alzheimer peggiorano gradualmente nel tempo, interferendo con la capacità della persona colpita di svolgere le attività quotidiane in modo indipendente.

La malattia di Alzheimer è la causa più diffusa di demenza, responsabile del 60-80% dei casi.

Demenza è un termine generale che descrive un declino delle funzioni cognitive, della memoria, del pensiero e del comportamento tale da interferire con la capacità di svolgere le attività quotidiane. La demenza non è una malattia specifica, ma un gruppo di sintomi che possono essere causati da diversi disturbi di base.

L'esordio della malattia di Alzheimer è in genere graduale e i primi sintomi possono essere scambiati per normale invecchiamento o stress.

Con il progredire della malattia, i sintomi si aggravano, colpendo la memoria, il linguaggio, la capacità di giudizio e la personalità, fino a portare alla completa dipendenza dagli assistenti.

Attualmente non esiste una cura per l'Alzheimer e i trattamenti si concentrano sulla gestione dei sintomi e sul miglioramento della qualità di vita dell'individuo.

Storia della malattia di Alzheimer

Questo disturbo neurodegenerativo è stato descritto per la prima volta da Alois Alzheimer nel 1906.

Alois, psichiatra e neuroanatomista, riportò il caso di una donna di 50 anni che soffriva di perdita di memoria, deliri, allucinazioni, aggressività e confusione, che peggiorarono fino alla sua morte, avvenuta cinque anni dopo. Durante l'autopsia, ha identificato i segni distintivi della malattia di Alzheimer: placche e grovigli.

Sebbene un tempo la malattia di Alzheimer fosse considerata una forma rara di demenza, l'editoriale di riferimento del neurologo Robert Katzman del 1976 ha cambiato la prospettiva. Katzman descrisse l'Alzheimer come un "grande killer" e una sfida per la salute pubblica che colpisce molti in tutto il mondo.

Sono nate organizzazioni per raccogliere fondi per la ricerca e sensibilizzare le persone colpite dalla malattia.

Da allora, sono stati pubblicati oltre 45.000 articoli sull'Alzheimer, che ne hanno analizzato le cause, gli effetti e i potenziali trattamenti. Sono inoltre in corso sforzi per migliorare la qualità della vita delle persone affette da Alzheimer, compresa l'assistenza centrata sulla persona nelle strutture a lungo termine.

Tipi di malattia di Alzheimer

La malattia di Alzheimer può essere classificata in due tipi principali: la malattia di Alzheimer sporadica e la malattia di Alzheimer familiare.

Malattia di Alzheimer sporadica

L'Alzheimer sporadico è la forma più comune di malattia di Alzheimer e non è legato ad alcuna storia familiare specifica. Si ritiene che sia causata da fattori genetici, ambientali e dallo stile di vita.

La ricerca ha dimostrato che l'età è il fattore di rischio più significativo per lo sviluppo della malattia di Alzheimer sporadica, con un esordio che si verifica in genere dopo i 60-65 anni.

Malattia di Alzheimer familiare (FAD)

La FAD è una rara forma di malattia di Alzheimer ereditata direttamente dai genitori ai figli. La FAD rappresenta meno del 5% di tutti i casi ed è causata da specifiche mutazioni genetiche che portano allo sviluppo della malattia.

Le persone affette da FAD hanno il 50% di probabilità di trasmettere il gene che causa la malattia ai propri figli. La FAD presenta gli stessi sintomi dell'Alzheimer sporadico, ma l'esordio può avvenire a qualsiasi età, anche in persone di 30 o 40 anni.

Attualmente non esiste una cura per la FAD, ma i test genetici possono aiutare a identificare i soggetti a rischio di sviluppare la malattia e un intervento precoce può contribuire a rallentarne la progressione.

Cause della malattia di Alzheimer

Il fattore di rischio più significativo è l'età: la probabilità di sviluppare la malattia di Alzheimer aumenta significativamente dopo i 65 anni. Altri fattori di rischio sono la genetica, i fattori ambientali e lo stile di vita.

Genetica e malattia di Alzheimer

I ricercatori hanno identificato i geni legati alla malattia di Alzheimer che controllano il funzionamento di ogni cellula del corpo, aumentando il rischio di contrarre alcune malattie, tra cui l'Alzheimer. Esistono due tipi di geni legati alla malattia di Alzheimer: quelli di rischio e quelli deterministici.

I geni a rischio, come l'apolipoproteina E (APOE), aumentano la probabilità di ammalarsi di Alzheimer.

La presenza di un gene APOE e4 raddoppia o triplica il rischio di ammalarsi di Alzheimer, mentre la presenza di due geni aumenta ulteriormente il rischio.

Anche lo stile di vita, la razza, l'etnia e l'ambiente giocano un ruolo nell'insorgenza della malattia; avere i geni APOE e4 non significa necessariamente che un individuo svilupperà l'Alzheimer.

Oltre all'APOE, i ricercatori hanno identificato collegamenti tra l'Alzheimer ad esordio tardivo e altri geni, come ABCA7, CLU, CR1, PICALM, PLD3, TREM2 e SORL1.

Le alterazioni di questi geni possono aumentare il rischio di Alzheimer, ma non tutti i soggetti con un gene modificato si ammalano di Alzheimer.

I geni deterministici garantiscono che chiunque erediti il gene svilupperà l'Alzheimer.

Pochi individui affetti dalla malattia di Alzheimer hanno il tipo a esordio precoce, che è fortemente legato ai geni. Gli scienziati hanno individuato tre geni che causano l'Alzheimer precoce, tra cui la proteina precursore dell'amiloide (APP), la presenilina 1 (PSEN1) e la presenilina 2 (PSEN2).

Questi geni sono responsabili di circa la metà dei casi di Alzheimer precoce. Sebbene la maggior parte degli esperti non raccomandi di routine l'esecuzione di test genetici per la malattia di Alzheimer a insorgenza tardiva, i test possono essere utili in alcuni casi di malattia di Alzheimer a insorgenza precoce.

Fattori ambientali e malattia di Alzheimer

Sebbene i fattori genetici siano stati implicati nello sviluppo dell'Alzheimer, vi sono prove crescenti che suggeriscono che anche i fattori ambientali possono svolgere un ruolo.

Diversi studi hanno esplorato l'associazione tra fattori di rischio ambientali e l'insorgenza dell'Alzheimer. Questi fattori di rischio includono l'esposizione a:

  • Campi elettromagnetici (CEM): I campi elettromagnetici sono stati il fattore di rischio ambientale più studiato. È stato riferito che influenzano diversi processi all'interno dell'organismo, tra cui l'omeostasi del calcio e la produzione di melatonina nel cervello. Gli individui con un'esposizione ai campi elettromagnetici medio-alta hanno una probabilità da due a tre volte maggiore di sviluppare la patologia rispetto a quelli con un'esposizione bassa.
  • Solventi: Alcuni studi hanno suggerito che l'esposizione ai solventi può provocare neurotossicità e deterioramento cognitivo.
  • Metalli pesanti: L'esposizione a metalli pesanti, come il piombo, ha provocato modifiche epigenetiche dei geni legati all'Alzheimer e un'espressione disregolata più tardi nella vita.

Fattori dello stile di vita e malattia di Alzheimer

Sempre più evidenze dimostrano che il mantenimento di uno stile di vita sano è fondamentale per ridurre il rischio di Alzheimer e di altre forme di demenza.

  • Genetica: Diversi studi hanno dimostrato che le persone che seguono uno stile di vita sano hanno meno probabilità di sviluppare la malattia di Alzheimer, anche se hanno una predisposizione genetica.
  • Abitudini alimentari: Un ampio studio condotto presso il Vanderbilt University Medical Center ha rilevato che i soggetti che seguivano una dieta di tipo mediterraneo, ricca di frutta, verdura, cereali integrali e pesce, avevano un rischio minore di sviluppare il morbo di Alzheimer rispetto a quelli che non la seguivano.
  • Esercizio fisico: Un altro studio ha rilevato che l'esercizio fisico regolare e i fattori legati a uno stile di vita sano sono associati a un minor rischio di malattia di Alzheimer, migliorando le funzioni cognitive nei soggetti con decadimento cognitivo lieve.
  • Il sonno: La privazione cronica di sonno e la scarsa qualità del sonno sono state collegate a un aumento del rischio di Alzheimer, in quanto il sonno è importante per il cervello per eliminare proteine dannose come la beta-amiloide.

Sintomi comportamentali

I sintomi comportamentali sono comuni nelle persone affette da Alzheimer e possono essere angoscianti per i malati e per chi li assiste. Questi sintomi possono includere aggressività, agitazione, vagabondaggio, depressione, ansia e cambiamenti nei modelli di sonno.

Nelle prime fasi della malattia, gli individui possono avere sbalzi d'umore o diventare irritabili o apatici. Con il progredire della malattia, questi sintomi possono diventare più pronunciati e disturbare la vita quotidiana.

L'agitazione e l'aggressività possono essere particolarmente difficili da gestire per i caregiver. Questi comportamenti possono essere scatenati dalla confusione o dalla frustrazione nei confronti delle attività quotidiane o delle situazioni sociali e possono essere esacerbati da fattori ambientali come il rumore o la sovrastimolazione.

Le persone con Alzheimer possono anche vagare o disorientarsi, il che può essere pericoloso se non riescono a ritrovare la strada di casa.

I caregiver potrebbero aver bisogno di implementare misure di sicurezza per prevenire cadute o incidenti, come l'installazione di serrature per le porte o l'uso di dispositivi di localizzazione GPS.

Anche le alterazioni del ritmo del sonno sono comuni nella malattia di Alzheimer, con individui che presentano disturbi del sonno, vagabondaggio notturno o sonnellino diurno. Questi cambiamenti possono portare a stanchezza, diminuzione della vigilanza e aumento dei sintomi comportamentali durante le ore di veglia.

Per gestire questi sintomi, i caregiver devono stabilire un programma di sonno coerente, ridurre al minimo i sonnellini diurni e creare un ambiente confortevole per il sonno.

Diagnosi

Per la diagnosi di Alzheimer, gli operatori sanitari utilizzano diversi metodi e strumenti per stabilire se una persona con problemi di memoria o cognitivi è affetta dalla malattia.

Si inizia con un colloquio con la persona che manifesta i sintomi e con un familiare o un amico per raccogliere informazioni sullo stato di salute generale, sull'uso di farmaci, sulla storia medica passata, sulla capacità di svolgere le attività quotidiane e sui cambiamenti comportamentali.

L'operatore sanitario condurrà anche test per valutare la memoria, l'attenzione, il linguaggio, la capacità di risolvere problemi e il conteggio. Potrà ordinare esami medici standard, come esami del sangue e delle urine, per identificare altre possibili cause del problema.

Possono essere condotte anche valutazioni psichiatriche per escludere condizioni di salute mentale sottostanti.

Per supportare la diagnosi di Alzheimer o escludere altre possibili cause dei sintomi, gli operatori sanitari possono eseguire scansioni cerebrali come la tomografia computerizzata (TC), la risonanza magnetica (RM) o la tomografia a emissione di positroni (PET).

Possono anche raccogliere il liquido cerebrospinale (CSF) attraverso una puntura lombare per misurare i livelli di proteine associate all'Alzheimer e alle demenze correlate. Gli operatori sanitari possono ripetere questi test per determinare l'evoluzione della memoria e delle funzioni cognitive della persona.

La diagnosi precoce della malattia di Alzheimer è fondamentale. Sebbene non esista una cura per l'Alzheimer, stanno emergendo farmaci per trattare la progressione della malattia e alcuni farmaci possono aiutare a gestire i sintomi.

La diagnosi precoce consente alle persone con Alzheimer e alle loro famiglie di pianificare il futuro, di occuparsi di questioni finanziarie e legali, di affrontare potenziali problemi di sicurezza, di conoscere le modalità di vita e di sviluppare reti di sostegno.

Specialisti come geriatri, psichiatri geriatrici, neurologi e neuropsicologi possono offrire diagnosi dettagliate o ulteriori valutazioni.

Le cliniche e i centri per la memoria, compresi i centri di ricerca sulla malattia di Alzheimer, possono anche fornire servizi diagnostici con accesso a test diagnostici avanzati.

Progressione della malattia

L'Alzheimer è una malattia progressiva che peggiora gradualmente nel tempo. La velocità di progressione può variare da persona a persona.

Malattia di Alzheimer moderata

La malattia di Alzheimer moderata comporta in genere perdite di memoria e confusione più gravi.

Le persone con Alzheimer moderato possono iniziare ad avere difficoltà a riconoscere i familiari e gli amici, ad avere problemi con il linguaggio, a sperimentare cambiamenti di personalità e a richiedere maggiore assistenza nelle attività quotidiane.

Malattia di Alzheimer grave

La malattia di Alzheimer grave è lo stadio avanzato, caratterizzato da un significativo declino delle funzioni cognitive, compresa la capacità di comunicare, muoversi autonomamente e prendersi cura di sé.

Le persone affette da Alzheimer grave possono essere incapaci di riconoscere i familiari e perdere la capacità di parlare, mangiare e deglutire. Possono anche soffrire di incontinenza e richiedere assistenza per tutte le attività della vita quotidiana, tra cui mangiare, lavarsi e vestirsi.

In questa fase, i soggetti possono essere costretti a letto e necessitare di assistenza 24 ore su 24.

Malattia di Alzheimer a esordio precoce

La malattia di Alzheimer a esordio precoce è un tipo di Alzheimer che si manifesta prima dei 65 anni. È meno comune dell'Alzheimer ad esordio tardivo ed è spesso causata da una mutazione genetica.

Le persone affette da Alzheimer ad esordio precoce possono manifestare perdita di memoria, confusione, difficoltà nella risoluzione dei problemi e nella pianificazione, nonché cambiamenti di umore e di comportamento. Possono anche avere difficoltà nel parlare e nel linguaggio e subire cambiamenti di personalità.

La progressione della malattia nei soggetti con Alzheimer precoce può essere più rapida rispetto a quelli con Alzheimer tardivo.

Malattia di Alzheimer ad esordio tardivo

La malattia di Alzheimer ad esordio tardivo è la forma più comune di Alzheimer e si manifesta solitamente dopo i 65 anni. Sebbene la causa esatta dell'Alzheimer ad esordio tardivo sia sconosciuta, si pensa che sia una combinazione di fattori genetici, ambientali e di stile di vita.

I sintomi dell'Alzheimer ad esordio tardivo possono includere perdita di memoria, confusione, difficoltà nella risoluzione dei problemi e nella pianificazione, cambiamenti di umore e di comportamento. Le persone affette da Alzheimer ad esordio tardivo possono anche avere difficoltà di linguaggio e di parola, subire cambiamenti di personalità e richiedere assistenza nelle attività quotidiane.

La progressione della malattia può essere più lenta rispetto ai soggetti con Alzheimer ad esordio precoce, ma può comunque avere un impatto significativo sulla qualità della vita di una persona.

Trattamento della malattia di Alzheimer

Il trattamento dell'Alzheimer è multiforme e prevede vari metodi per rallentare la progressione della malattia e gestire i sintomi. Sebbene non esista un modo diretto per curare la malattia di Alzheimer, i seguenti interventi sono mirati ai sintomi:

  • Interventi non farmacologici: Gli interventi non farmacologici sono un aspetto importante del trattamento e i cambiamenti nello stile di vita sono fondamentali per migliorare la qualità della vita delle persone affette da Alzheimer. Questi interventi comprendono l'esercizio fisico regolare, una dieta sana e l'impegno sociale.
  • Terapie modificanti la malattia: Le terapie modificanti la malattia sono progettate per rallentare o arrestare la progressione dell'Alzheimer agendo sulle cause che ne sono alla base. Nonostante non esistano farmaci modificanti la malattia approvati per l'Alzheimer, gli studi clinici stanno esplorando diversi trattamenti.
  • Immunoterapia: L'immunoterapia, che prevede l'uso di anticorpi per rimuovere le placche di beta-amiloide dal cervello, è un approccio promettente. Anche la lotta all'infiammazione cerebrale ha mostrato un potenziale nel trattamento dell'Alzheimer.
  • Sperimentazioni cliniche: Gli studi clinici sono fondamentali per lo sviluppo di nuovi trattamenti per la malattia di Alzheimer. Questi studi valutano la sicurezza e l'efficacia di potenziali farmaci e terapie. Per esempio, lo studio A4 verifica l'efficacia di un farmaco anti-amiloide nelle persone a rischio di Alzheimer. Anche lo studio TRC-PAD verifica l'efficacia di diversi farmaci nelle persone affette da Alzheimer in fase iniziale.

Prevenzione della malattia di Alzheimer

La prevenzione della malattia di Alzheimer è uno dei principali obiettivi della ricerca, poiché attualmente non esiste una cura per questa malattia debilitante. Sebbene non esistano modi sicuri per prevenire l'Alzheimer, diversi fattori legati allo stile di vita possono contribuire a ridurre il rischio di sviluppare la malattia.

Invecchiamento sano

Un invecchiamento sano implica il mantenimento del benessere fisico, mentale e sociale durante il processo di invecchiamento.

Molti fattori legati allo stile di vita, tra cui un'attività fisica regolare, una dieta sana e una buona igiene del sonno, possono favorire un invecchiamento sano.

L'esercizio fisico regolare può aiutare a mantenere la funzionalità fisica e a ridurre il rischio di patologie croniche come le malattie cardiache e il diabete.

Una dieta sana, che includa frutta, verdura, cereali integrali, proteine magre e grassi sani, può aiutare a prevenire le malattie croniche e a mantenere la funzione cognitiva.

Una buona igiene del sonno, che includa un programma di sonno coerente e una routine rilassante per andare a letto, può anche aiutare a promuovere la salute fisica e mentale.

Fattori aggiuntivi dello stile di vita

È importante riconoscere che alcune scelte di vita possono avere un impatto significativo sulla salute e sul benessere generale. Evitare di fumare e limitare il consumo di alcolici sono componenti fondamentali di uno stile di vita sano.

Il fumo è uno dei principali fattori di rischio per molte malattie croniche, tra cui le malattie cardiovascolari, il cancro ai polmoni e l'Alzheimer.

Inoltre, un consumo eccessivo di alcol può aumentare il rischio di malattie croniche e di declino cognitivo.

Domande frequenti sull'Alzheimer

Che cos'è la malattia di Alzheimer?

L'Alzheimer è una malattia cerebrale progressiva che colpisce la memoria, il pensiero e il comportamento.

Quali sono i sintomi della malattia di Alzheimer?

I sintomi della malattia di Alzheimer comprendono perdita di memoria, confusione, difficoltà a completare compiti familiari, cambiamenti di umore o di comportamento e difficoltà di comunicazione.

La malattia di Alzheimer può essere curata?

Attualmente non esiste una cura per la malattia di Alzheimer, ma esistono farmaci e terapie che possono aiutare a gestire i sintomi e a migliorare la qualità della vita.

L'Alzheimer è la stessa cosa della demenza?

La malattia di Alzheimer è un tipo di demenza, ma ne esistono molti altri, come la demenza vascolare e la demenza a corpi di Lewy.

Riferimenti

Alois Alzheimer - Irrenarzt mit Mikroskop

I geni dell'Alzheimer: Siete a rischio? - MayoClinic

Sperimentazioni cliniche per terapie modificanti la malattia di Alzheimer: Un primo passo, lezioni

Fattori di rischio ambientali per la demenza: una revisione sistematica - BMC Geriatrics

Come viene diagnosticata la malattia di Alzheimer? - Istituto Nazionale sull'Invecchiamento

Come viene trattata la malattia di Alzheimer? - Istituto Nazionale sull'Invecchiamento

Dichiarazione di non responsabilità

I contenuti di questo articolo sono forniti solo a scopo informativo e non intendono sostituire una consulenza medica, una diagnosi o un trattamento professionale. Si raccomanda sempre di consultare un operatore sanitario qualificato prima di effettuare qualsiasi cambiamento relativo alla salute o in caso di domande o dubbi sulla propria salute. Anahana non è responsabile di eventuali errori, omissioni o conseguenze derivanti dall'uso delle informazioni fornite.

Ipertensione

9 lecture des minutes

Ipertensione

L'ipertensione è una condizione medica, spesso asintomatica, caratterizzata da valori specifici di pressione sanguigna superiori a 140/90 mmHg. Se...

Salute cardiovascolare

8 lecture des minutes

Salute cardiovascolare

Approfondimenti sulla salute cardiovascolare: Un approfondimento sul mantenimento di un cuore e di un sistema circolatorio robusti. Questo articolo...

Sistema circolatorio

10 lecture des minutes

Sistema circolatorio

Il sistema circolatorio è un sistema all'interno dell'organismo che comprende i vasi sanguigni che trasportano il sangue verso e lontano dal cuore....

Stiramento

8 lecture des minutes

Stiramento

Lo stretching favorisce la mobilità di tutto il corpo, la flessibilità muscolare e la forza e previene gli infortuni. L'aggiunta di allungamenti...

Placebo

7 lecture des minutes

Placebo

Approfondite il concetto di placebo e il potere dell'effetto placebo e capite che l'effetto placebo non è solo un pensiero positivo.

Mal di schiena

14 lecture des minutes

Mal di schiena

Il mal di schiena si riferisce a qualsiasi dolore e fastidio nella parte superiore, media o inferiore della schiena. Il mal di schiena è comune e può...